http://www.lemiepiante.it

Versione ad alta accessibilità

<< torna alla versione normale




^ Torna al menu
TARASSACO: depurativo


Taraxacum officinale

DESCRIZIONE: Pianta erbacea perenne, conosciuta volgarmente come "dente di leone" o "soffione." Il suo fittone è lungo e carnoso, ramificato, contenente del lattice. Gli scapi sono alti anche 40 cm., mentre le foglie sono riunite in una rosetta basale, sono lanceolate, dentate o lobate, a volte incise fino alla nervatura centrale. I fiori sono riuniti in capolini solitari, di colore giallo dorato. I frutti sono acheni allungati, spinosi alla sommità. L'infruttescenza prende il nome di soffione ed composta da semi sorretti da una corona di peli, il pappo, che li porta in volo grazie al vento, disseminandoli e garantendo alla pianta la riproduzione. I capolini fiorali si aprono al sorgere del sole e si chiudono durante la notte.

PRINCIPI ATTIVI: le foglie, ed il rizoma, che deve essere raccolto prima della fioritura, lavato e privato delle radici laterali, tagliato a pezzi, ed essicato al sole oppure in forno a basse temperature.

PROPRIET ED UTILIZZO: ottimo rimedio per DISTURBI DELLA DIGESTIONE e l'INAPPETENZA. CONSUMATA COME CIBO, SUCCO O DECOTTO, Ha azioni DIURETICHE, DEPURATIVE e LASSATIVE. Si consiglia una vera e propria Tarassacoterapia, cioè una vera e propria cura stagionale. Il succo della pianta fresca schiarisce le efelidi, il decotto RASSODA LA PELLE. E'una pianta commestibile dal gusto piacevolmente amaro, le foglioline più tenere si mangiano in insalata; l'intera pianta può essere conservata sottaceto.

AVVERTENZE: da usare solo sotto controllo medico

CURIOSITA': Il suo nome ha origini arabe e significa pianta da insalata. E' la pianta della profezie per eccellenza, se si fanno volare tutti i semi con un sol soffio, il desiderio espresso si avvererà. E' anche considerata la pianta della fedeltà perchè cresce e si riproduce velocemente. Dal XVI sec. è presente come droga dall' effetto diuretico, ed anche la medicina moderna ne riconosce questo pregio. In Russia, il lattice di una particolare specie, veniva usata per la produzione di caucciù sintetico.



















^ Torna al menu