Bombacacee

pachira acquatica

Pachira

pachira acquatica

Pachira

Pianta tropicale dallo sviluppo eretto, coltivata per il fogliame palmato, pentalobato molto ornamentale e l'aspetto decorativo dei suoi tronchi multipli. I fiori sono solitamente color crema, grandi 15 cm. con i petali arricciati per mostrare gli stami rosati. Esistono diverse specie ma la più conosciuta è la Pachira Insignis che presenta foglie palmato-digitate con 5-7 segmenti obovati. Le infiorescenze sono gradevolmente profumate, durano soltanto un giorno e si schiudono durante la notte, sono costituite da fiori ascellari composti da cinque petali rossi oppure violacei, stretti e lunghi, che fuori escono da un calice corto e si circondano di una grande massa di filamenti. I frutti che seguono sono capsule legnose che assomigliano a delle zucche nerastre, solitamente si sviluppano soltanto nell'ambiente naturale.

Caratteristiche

i dati principali

DATI GENERICI

luce intensa

fiorita: primavera-estate

eretta

Tropicale

Perenne

media

Sud America, India occidentale.

esposizione


Deve essere esposta in zona molto luminosa, ma si adatta bene anche alla mezz'ombra. Può reggere il sole diretto solo se il tasso di umidità ambientale è molto elevato, diversamente si rischia di ustionare le foglie.

fioritura


La fioritura avviene durante il periodo estivo. Ha fiori molto grandi, larghi fino a 15 cm, di color bianco crema, con i petali arricciati verso la base a mostrare gli stami rosati.

letteratura


Viene chiamata volgarmente Bombaco.

storia


Introdotta nel 1909 a Taiwan, prima per i semi e in seguito per il tronco, il quale veniva usato nella pittura cinese.

concimazione


Nei mesi estivi ha bisogno di essere concimata mensilmente, durante l'inverno interrompere il ciclo. Utilizzare fertilizzanti ricchi di potassio e di fosforo.

segnalazioni


irrigazione


Annaffiare regolarmente e abbondantemente nel corso del periodo estivo, una volta ogni 4 giorni, diradando gli interventi durante l'inverno. Utilizzare se possibile acqua piovana.

potatura


Eliminare le parti secche,danneggiate, e le parti che si espandono in modo disordinato. Le foglie devono essere ripulite dalla polvere o da eventuali residui calcarei.

malattie


E' soggetta ad attacco di cocciniglia, si consiglia di eliminare gli esemplari manualmente, utilizzando del cotone imbevuto nell'alcol. Possono verificarsi dei marciumi radicali se il terreno è troppo bagnato.

particolarità


Questa pianta è una stretta parente del Baobab. Cercare di tenere sempre umido l'ambiente in cui si trova, evitando accuratamente i ristagni d'acqua che possono provocare marciumi radicali.

temperatura


Sopporta bene le alte temperature. Molto pericolosa risulta la combinazione di ristagno di acqua con temperature basse, che causa l'ingiallimento e la caduta prematura delle foglie.

rinvaso


Solo quando è necessario in primavera

substrato


Deve essere acido e ben drenato. Evitare terricci torbosi.

propagazione


Si utilizzano i semi che vanno presi appena la capsula del frutto si apre, e messi in vasi con un miscuglio di sabbia, sfagno e stallatico. La propagazione può avvenire anche per talea, da praticarsi in primavera.

clima


Tropicale

durata


Perenne

origine


Sud America, India occidentale.
ficus benjamina
Ficus benjamina
dracena compacta
Dracaena
chamedorea
Chamaedorea seifritzii
ficus elastica
Ficus elastica decora
sanseveria
Sansevieria trifasciata
Yucca
Yucca
ficus deltoidea
Ficus diversifoglia
Spatiphyllum
Spathiphyllum
ficus ginseng
ficus ginseng
ficus retusa
Ficus retusa