Myrsinaceae

ardisia crenata

Ardisia crenata

ardisia crenata

Ardisia crenata

Arbusto eretto che può raggiungere 60-90 cm d'altezza; presenta foglie alterne, verde scuro, lucide, oblunghe, lanceolate e a margini ondulati. I fiori sono bianco crema con sfumature rosse a forma di stella, riunite in pannocchie ascellari. I frutti sono bacche rotonde color rosso corallo, che durano fino all'epoca della successiva fioritura

Caratteristiche

i dati principali

DATI GENERICI

luce media

fiorita: primavera-estate

arbustiva

Temperato

Perenne

media

Cina, India

esposizione


Ama le posizioni molto luminose, possibilmente anche in pieno sole; in estate può essere portata all'esterno, in giardino o sul terrazzo, avendo cura di ombreggiarla nelle giornate di caldo troppo intenso; in inverno si ricovera in casa, possibilmente vicino ad una finestra e lontano dalle fonti di calore

fioritura


Giugno

arte


Il nome deriva dal greco "àrdis", "punta": è la forma di alcune parti della corolla. Crenata si riferisce alla dentellatura arrotondata che segna il margine delle foglie

concimazione


Da aprile fino a che le bacche si colorano di rosso aggiungere concime universale all'acqua delle annaffiature ogni 10-12 giorni

segnalazioni


irrigazione


Regolari da aprile a settembre; tra un'annaffiatura e l'altra, far asciugare il terriccio in superficie, pur facendolo restare un po' umido. In inverno diradare un poco le annaffiature, avendo comunque cura di vaporizzare spesso le foglie con acqua distillata

potatura


Solo quando la pianta risulta indebolita, in febbraio, tagliare alla base lasciando solo i primi 10 cm dei rami

malattie


Gli afidi verdi attaccano le foglie giovani e i germogli teneri; le cocciniglie farinose formano macchie bianche sulle bacche mature

particolarità


Nebulizzare le foglie nel periodo estivo

temperatura


Il clima ideale per questa pianta si mantiene intorno ai 20°C, temperature eccessivamente basse o eccessivamente alte causano la caduta di frutti e foglie

rinvaso


Per i primi due anni bisogna rinvasarla ad aprile, il terzo anno la pianta diventa vecchia e va rinnovata

substrato


Il terreno ideale è un composto di torba, sabbia e terriccio in parti uguali. E' opportuno coltivarla in un terreno molto ben drenato, per evitare pericolosi ristagni idrici; volendo si può aggiungere del materiale a grana grossolana sul fondo del vaso, per migliorare il drenaggio

propagazione


Tramite seme, in primavera a cinque millimetri di profondità in terriccio fertile e umido a 24 gradi centigradi. Quando compaiono i germogli si deve abbassare la temperatura a 15 gradi. Per talea si prelevano da maggio ad agosto le porzioni lunghe sette-otto cm dai germogli laterali, si piantano in un miscuglio di torba e sabbia in parti uguali e si fanno radicare per poi trapiantarli dopo sei-otto settimane

clima


Temperato

durata


Perenne

origine


Cina, India
ciclamino
Cyclamen persicum
azalea comune
Rhododendrum
skimmia
Skimmia
stella di natale
Poinsettia
Anthurium
Anthurium andraeanum
nandina
Nandina
calatea
Calathea
Aquilegia
Aquilegia flabellata
Agapanthus praecox
Agapanthus praecox
Alyssum maritima
Alyssum saxatile