X

descrizione generale

Pianta erbacea annuale puo' raggiungere un' altezza di 50-80 cm. Il suo portamento è eretto ed il fusto è sottile, non peloso e ramificato. Le foglie sono sessili, alterne, a contorno lanceolato. I fiori sono riuniti in piccoli capolini che hanno un diametro di 10- 17 mm. e presentano un involucro costituito da brattee verdi, obovato-lanceolate, ed un ricettacolo di forma emisferica o conica, glabro e cavo all'interno, il che conferisce al disco interno una certa convessità che si evidenzia molto quando i fiori del raggio si reclinano verso il basso. I capolini sono costituiti da fiori centrali tubulari, gialli, ermafroditi, e fiori esterni, ligulati, bianchi e femminili. Il frutto è un achenio arquato, un frutto secco indeiscente che racchiude un unico seme che non aderisce al tegumento.

esposizione

Deve essere esposta in pieno sole

fioritura

Fiorisce da maggio a settembre

concimazione

Utilizzare concime ternario composto

irrigazione

Deve essere annaffiata abbondantemente in estate

potatura

eliminare le parti sfiorite che rendono sgraziata la pianta.

malattie

Non è soggetta a malattie o parassiti particolari

particolarità

Non necessita di cure particolari. Ha un profumo molto caratteristico che aiuta a distinguerla dalle altre piante a lei molto simili.

temperatura

Vive bene con temperature abbastanza calde

substrato

Si adatta bene a tutti i terreni

propagazione

Avviene per seme

NOMENCLATURA

Camomilla
Asteracee
camomilla

DATI GENERICI

pieno sole

fiorita: primavera-estate

erbacea

Temperato

Annuale

media

Europa, Asia e America settentrionale

CURIOSITA'

ARTE

Si può regalare per dare forza durante le sventure

STORIA

il termine Latino Matricaria, derivante da Mater, fa riferimento al fatto che era utilizzata in passato per la cura di disturbi ginecologici della matrice, cioè l'organo femminile. La Camomilla era già conosciuta dagli antichi Egizi, che l'avevano consacrata al dio sole. Ai tempi di Dioscoride e Galeno si ricorreva spesos ai capolini della Camomilla per favorire la sudorazione, calmare i dolori e i nervi attraverso infusi, oli.

MEDICINA

i capolini fioriti si recidono al principio della fioritura, si essicano all'ombra per creare la droga. Ha proprietà calmanti, antispasmodiche, eupeptiche, antinfiammatorie, carminative, febbrifughe, sudorifere, antisettiche. E' utilizzata in particolare per disturbi infiammatori del tratto gastri intestinale associati a spasmi.

LETTERATURA

Ippocrate la consigliava per facilitare il parto.

Tra le piante di:

ciaociao

Foto Dagli Album