Boraginaceae

borragine

Borago officinalis

borragine

Borago officinalis

Pianta di aspetto erbaceo, alta sino a 70 cm, eretta, con fusto ascendente, poco ramificato, sovente venato di rosso. Tutta la pianta è caratterizzata dalla presenza di lunghe setole bianche che la rendono ispida. Le foglie inferiori hanno lamina ovato-lanceolata, margine dentato, ondulato e nervatura rilevata; le cauline sono lanceolate, brevemente picciolate o amplessicauli. I fiori peduncolati, inclinati ad arco, sono riuniti in infiorescenze terminali, attorniate da brattee. Hanno calice composto da 5 sepali stretti e lanceolati, che durante la fioritura si aprono notevolmente, per poi richiudersi sul frutto. La corolla azzurra-blu, più raramente bianca, è pentalobata, gli stami sono 5, le antere sono violette. I frutti sono tetracheni marrone chiaro di forma oblunga, molto duri

Caratteristiche

i dati principali

DATI GENERICI

pieno sole

fiorita: primavera-estate

erbacea

Mediterraneo

Annuale

media

La pianta è originaria dell'area mediterranea, dove cresce tuttora in forma spontanea. Viene coltivato in tutte le regioni temperate del globo

esposizione


La borragine gradisce posizioni soleggiate, ma si sviluppa senza problemi anche in zone semi-ombreggiate

fioritura


Fiorisce da aprile a novembre

medicina


Questa pianta è ricca di minerali essenziali quali calcio e potassio, acido palmitico, tannini, e acidi grassi essenziali Omega-6. Il primo a descriverla e ad impiegarla a scopo curativo fu sant Alberto Magno (XIII secolo). I semi sono una ricca fonte di acido gammalinolenico: l'olio regola il sistema ormonale e abbassa la pressione del sangue, è, inoltre, ricca di mucillagini che le conferiscono buone qualità emollienti con le quali protegge e ammorbidisce i tessuti a cui è applicata, ad esempio, in caso di pelle secca. E' un ottimo rimedio anche per la psoriasi e per condizioni infiammatorie come l'eczema. Febbrifuga, depurativa e diuretica, è un buon rimedio contro il raffreddore e l'influenza; l'infuso dei fiori cura le affezioni respiratorie e, in particolare, calma la tosse. Con una manciata di fiori fatti macerare per una settimana nel vino, si ottiene un'ottima bevanda depurativa

letteratura


Il nome del genere deriva dall'arabo "abou rach" cioè "padre del sudore", con riferimento alle proprietà sudorifere della pianta. Taluni, invece, sostengono che avrebbe origine dal latino "burra" cioè "stoffa grossolana pelosa", con riferimento ai peli del fusto e delle foglie, che rendono la pianta ruvida al tatto. Altri ancora, invece, ritengono che borago derivi dalla corruzione di "corago" da "cor ""cuore e ago" "agisco" per i suoi effetti stimolanti. Altri ancora pensano che il nome derivi da "barrach", parola celtica che significa "uomo coraggioso"

storia


La borragine, aggiunta al vino, veniva usata dagli antichi romani per curare la malinconia e la tristezza, dai Celti per dare coraggio ai guerrieri per affrontare i nemici in battaglia. Gli antichi Greci invece la usavano per curare il mal di testa da sbronza. Plinio la chiamava Euphrosinum "perchè rende l'uomo euforico, felice e contento" come attesta l'antico verso "Ego Borago - Gaudia semper ago." Infatti sosteneva che i fiori consumati in insalata rendono propensi al riso e sgombrano la mente dai cattivi pensieri, le foglie e i fiori nel vino tolgono la tristezza e la malinconia e danno la felicità, sostenendo addirittura che la Borago fosse il famoso "Nepente di Omero" che, consumata nel vino, portava all'oblio ed alla spensieratezza. "llawenlys" (nome gallese dell'erba), significa "erba della contentezza" (forse a causa del vino con cui la si gustava). Parkinson la raccomandava per espellere pensieri e malinconia. Bacon diceva essere un eccellente rimedio per reprimere i fuligginosi vapori della polverosa malinconia. Culpepper trovava la pianta utile nelle febbri putride e pestilenziali, nel morso di serpenti velenosi, nella tubercolosi, negli itteri, nel mal di gola e nei reumatismi

irrigazione


Deve essere annaffiata in maniera moderata. Allorchè cresce spontanea basta l'acqua piovana

malattie


Non è soggetta a particolari malattie o parassiti

particolarità


Pianta rustica, per cui facilmente coltivabile

temperatura


Non teme il freddo ed è completamente rustica in Italia

segnalazioni


substrato


Questa pianta cresce senza problemi in qualsiasi tipo di terreno, preferendo i substrati leggermente calcarei

propagazione


Avviene per seme

clima


Mediterraneo

durata


Annuale

origine


La pianta è originaria dell'area mediterranea, dove cresce tuttora in forma spontanea. Viene coltivato in tutte le regioni temperate del globo
bardana
Arctium lappa
calluna
Calluna vulgaris
Aechmea fulgens
Aechmea fulgens
Brugo
Calluna vulgaris
pulmonaria
pulmonaria
adonide
Adonis
calendula
Calendula
calochortus luteus
Calochortus luteus