Cupressaceae

cipresso

cupressus sempervirens

cipresso

cupressus sempervirens

Albero dal portamento eretto, colonnare, di origine ibrida, e di facile coltivazione. Il tronco è ramificato, a volte fin dalla base e ha una sottile corteccia grigio-bruna, le foglie sono squamiformi o aghiformi, triangolari, embricate e sono inserite a due a due nei rametti a forma di ventaglio. Il genere delle Cupressaceae Cupressus, comprende alberi anche di notevoli dimensioni fino a 50 m, chioma generalmente affusolata, piramidale molto ramificata, rametti cilindrici con numerosissime foglie. In alcune specie, le foglie schiacciate rilasciano un caratteristico fetore. Il colore delle foglie è molto scuro nel cipresso nostrano (Cupressus sempervirens) ma in altre specie è più chiaro e persino verde-azzurro.

Caratteristiche

i dati principali

DATI GENERICI

pieno sole

------ verde ------

albero

Mediterraneo

Perene

grande

Europa

esposizione


Deve essere esposto in pieno sole o in leggera ombreggiatura.

fioritura


I fiori sono poco appariscenti e danno origine alle galbule. Sono sia maschili che femminili e si aprono a fine inverno, quando appaiono quelli femminili. I frutti, chiamati galburi, hanno forma arrotondata, sono marroni, divisi in un certo numero di squame che si separano a maturità.

arte


Viene utilizzato per formare mobili ed ebanisteria. Il suo legno è molto resistente e duro, infatti, fu sempre adoperato per costruire case e navi, in particolare per la sua eccezionale resistenza al tempo. In Italia, nella regione toscana, viene piantato per delimitare viali e creste di rilievi, ottenendo effetti paesaggistici che hanno reso celebri in tutto il mondo le campagne di questa regione. Gli estratti delle sue sostanze sono utilizzati per formare profumi per la casa e la persona.

medicina


Dai rametti si estrae un olio essenziale dalle proprietà balsamiche. Questo elemento può essere utilizzato per creare sostanze che vengono usate per inalazioni e frizioni per il trattamento della tosse e dell'asma bronchiale. Ha proprietà insettifughe.

letteratura


Anticamente, ed ancora oggi in Oriente, questa pianta evocava il simbolo della fertilità per il suo aspetto vagamente fallico. Gli sposi Romani ricevevano spesso in dono dei Cipressi di buon augurio di prosperità. nelle novelle mediorientali simboleggiava l'amante, forse per la sua forma fallica, la donna era invece evocata dalla rosa. Era anche l'immagine vegetale dell'immortalità, a causa delle foglie sempreverdi e del legno resistentissimo. I Persiani vi coglievano il simbolo del fuoco grazie alla sua forma evocatrice della fiamma e sostenevano che fosse il primo albero del paradiso. Già all'epoca dei Romani, il suo olio essenziale era sfruttato per creare fragranze profumate. La fama funeraria è nata con i Latini ed i Greci che lo consideravano l'albero dei defunti. In un racconto delle "Metamorfosi" di Ovidio, il giovinetto Ciparisso che aveva come unico amico un cervo, un giorno, inavvertitamente lo trafisse con un giavellotto mentre stava giocando. Per il dolore decise di togliersi la vita. Furono gli Dei, ascoltando le sue richieste, a tramutarlo in un Cipresso. Troviamo il Cipresso anche nel simbolismo celeberrimo del Foscolo nei suoi "Sepolcri". Più prosaicamente secondo Teofrasto, il filosofo greco che nel IV secolo compilò la "ricerca sulle piante", il cipresso fù consacrato fin dalle origini al dio dei morti, perchè, una volta reciso il tronco, dai suoi polloni non nascono nuove piante. Non sempre il Cipresso evoca funebri immagini perchè nel Cantico dei Cantici è citato come materiale per costriure la casa degli amanti.

storia


Il Cipresso e' sempre stato un albero interessante per tutte le civiltà mediterranee. Nell'antica Persia, la sua cima svettante come una fiammata simboleggiava il fuoco; in Europa giunse in tempi immemorabili dal vicino oriente. I Babilonesi lo usavano come merce di scambio Ha sempre avuto anche un'importanza rituale nel culto dei morti, una caratteristica questa che si e' conservata in qualche modo fino ai giorni nostri, essendo spesso usato per creare il verde nei viali alberati dei cimiteri.

irrigazione


In genere basta l'acqua piovana, in caso di periodi di siccità provvedere ad annaffiare la pianta

potatura


Ridimensionare la pianta quando è necessario

malattie


Negli ultimi anni i cipressi sono stati decimati da una malattia provocata dal fungo Coryneum cardinale, il cosidetto cancro del cipresso. Gli afidi provocano arrossamenti all'interno della chioma mentre le cocciniglie creano ingiallimenti e dissecamenti

segnalazioni


particolarità


Viene utilizzato per formare mobili ed ebanisteria. Non necessita di cure particolari.

temperatura


Predilige climi asciutti e caldi ma non ha grossi problemi ad adattarsi sia alle alte che alle basse temperature.

substrato


Si adatta bene a quasi tutti i tipi di terreno

propagazione


Avviene per seme a marzo o per talea semilegnosa da far radicare in torba e sabbia

clima


Mediterraneo

durata


Perene

origine


Europa
Chamaecyparis
Chamaecyparis lawsoniana
cupressus macrocarpa
Cupressus macrocarpa
Sterculia acerifolia
Sterculia acerifolia
carrubo
Ceratonia siliqua
falso pepe
Schinus molle
grevillea robusta
Grevillea robusta
Cipresso di Leyland
x Cupressocyparis leylandii Dallim.
bauhinia
Bauhinia
Jacaranda acutifolia (sinonimo)
Jacaranda mimosifolia
Strelitzia alba (Strelitzia augusta)
Strelitzia alba