Asclepiadaceae

dipladenia

Dipladenia

dipladenia

Dipladenia

Pianta di facile coltivazione, sufruticosa, arbustiva, rampicante, sempreverde. L'altezza massima è variabile asecondo la specie, può raggiungere i 4,5 m. Coltivabile in interni, particolarmente apprezzata per il pregio decorativo delle sue infiorescenze. I fiori sono certamente molto belli, imbutiformi, in varie sfumature di rosa oppure bianchi. Questo genere comprende 30 specie, le più apprezzate sono: D.splendens con foglie ellittiche, lucide e fiori rosa con la gola gialla; D. sanderi con foglie ovali ed appuntite, i fiori hanno la caratteristica gola gialla ed i lobi rosa; la D.boliviensis può raggiungere i 4 m. di altezza e produce infiorescenze bianche.

Caratteristiche

i dati principali

DATI GENERICI

Ombra

fiorita: primavera

rampicanti

Mediterraneo

Perenne

media

America (Brasile).

esposizione


Richiede molta luce, ma non sopporta il sole diretto, collocare quindi in zona ombreggiata o molto luminosa quando la si ritira in luogo riparato. Per i mesi in cui la pianta vive in luogo riparato, per una buona conservazione della Dipladenia e'fondamentale mantenere una elevata umidità dell'aria. In caso di aria eccessivamente secca, la Dipladenia può morire.

fioritura


Dall'inizio della primavera all'inizio dell'autunno. Se la pianta e' potata presenta una fioritura migliore

storia


L'origine etimologica deriva dal greco: diplos, = doppio e aden= ghiandola, a causa della presenza di due ghiandole nell'ovario.

concimazione


Utilizzare concime complesso a lenta cessione nella proporzione di 30 gr. per decalitro di terra.

irrigazione


Mantenere umido il terreno durante l'estate riducendo progressivamente rispetto alla temperatura.

potatura


Come per tutte le piante rampicanti e' importante. Per avere una pianta rampicante non occorre potare solo i rametti laterali. Per avere una pianta a cespuglio dopo la fioritura potare i nuovi rametti a 5 cm dall'inserzione. In generale si consiglia di potare leggermente i rami all'inizio della primavera o in autunno, per evitare che la pianta lignifichi troppo nella parte inferiore, perdendo le foglie. Solo se la vegetazione della pianta si rinnova avremo una buona fioritura.

segnalazioni


malattie


Può essere soggetta ad attacchi da ragnetto rosso, intervenire tempestivamente con acaricidi specifici e cercando di mantenere elevata l'umidità ambientale. L'eccesso di acqua potrebbe però causare marciumi radicali.

particolarità


Evitare di posizionarla in zona troppo ventilata sia in interni che in esterni. E' sufficente eliminare i fiori appassiti o i rami secchi o danneggiati. Per le specie trattate come rampicanti è necessario fornire dei sostegni adatti.

temperatura


Sopporta molto bene le alte temperaure, si consiglia di non scendere sotto i 13-14°. Per lo sviluppo ideale richiede i 18°C. circa.

rinvaso


In primavera indicativamente ogni 2-3 anni. Il diametro massimo del vaso deve essere di 20-30 cm., dopodichè e necessario cambiare solo il terriccio superficiale.

substrato


Leggero con prevalenza di torba e presenza di sabbia o ghiaietta sul fondo.

propagazione


Tramite talee erbacee in primavera. Le talee vanno piantate in un substrato di torba ed agriperlite in un ambiente dall'umidità elevata e con una temperatura di 23°C. circa.

clima


Mediterraneo

durata


Perenne

origine


America (Brasile).
gelsomino
Trachelospermum jasminoides
celosia
Celosia
gardenia
Gardenia jasminoides
dahlia
Dahlia
Schlumbergera
Schlumbergera
ibisco da esterno
Hybiscus
Dimorphotheca
Dimorphotheca
Palma da cocco
Cocos nucifera
pereskia
Pereskia
Schlumbergera ripsalis (sinonimo)
Rhipsalidopsis gaertneri