Rosaceae, sottofamiglia delle Prunoideae

Prunus domestica

Prunus domestica

Prunus domestica

Prunus domestica

Il susino europeo ha foglie ovali di color verde scuro e piuttosto spesse con la pagina inferiore leggermente pelosa, i fiori, che spuntano prima delle foglie sono bianchi. I frutti, a parte qualche varietà sono generalmente ovaliformi con colore che varia dal giallo, verde, rosso e viola-blu. Il susino cino-giapponese ha foglie lanceolate di color verde chiaro, molto sottili, i fiori sono bianchi e la fioritura avviene più precocemente rispetto al susino europeo. I frutti sono generalmente di forma tondeggiante, il colore varia dal giallo al rosso a blu-nero

Caratteristiche

i dati principali

DATI GENERICI

pieno sole

fiorita: primavera

albero

Temperato e Mediterraneo

Perenne

grande

Di origini incerte, si presume possa provenire dalle regioni del sud-est asiatico

esposizione


In pieno sole per valorizzare dal punto di vista qualitativo e quantitativo la produzione

fioritura


Fiori bianchi a primavera che spuntano prima delle foglie

medicina


Proprietà lassative

storia


Nelle antiche credenze popolari il susino selvatico era considerato un albero magico in grado di ospitare sia il bene che il male. Si riteneva che proteggesse le case dal fuoco e dai fulmini e gli uomini dalle malattie, dalle calamità e dai demoni

concimazione


Durante il riposo vegetativo usare ammendanti organici come lo stallatico o il letame. In primavera e autunno usare concimi ternari sospendendo la somministrazione durante i periodi estivi siccitosi

segnalazioni


irrigazione


Durante la stagione estiva irrigare regolarmente, a partire dalla fioritura, in quanto la produzione frutticola richiede asporti idrici sostenuti

potatura


Richiede una potatura energica: asportare parte di rami misti, raccorciare i rami di più anni che portano mazzetti, eliminare i polloni e rinnovare gradualmente le branche

malattie


Tra gli insetti sono da segnalare la Cocciniglia bianca (Pseudaulacaspis pentagona)e la Cocciniglia di San Josè (Comstockaspis perniciosa), mentre le malattie fungine più frequenti sono la Monilia che mummifica rami e frutti, e il Corineo

particolarità


Patisce, come tutte le Prunoideae, i ristagni idrici. Occorre quindi tarare le irrigazioni in base alla tipologia di suolo

temperatura


Ha bisogno di un certo numero di ore di freddo (fabbisogno in freddo)durante il riposo vegetativo per poter andare correttamente a fiore in primavera. Non tollera i ritorni di freddo primaverili che causano una cascola precoce dei frutti

substrato


Il terreno varia a seconda delle esigenze del portainnesto

propagazione


Si utilizza l'innesto, valutando l'idoneità del portainnesto rispetto alle esigenze commerciali e pedoclimatihe. Per avere esemplari già adulti l'unica soluzione è il trapianto.

clima


Temperato e Mediterraneo

durata


Perenne

origine


Di origini incerte, si presume possa provenire dalle regioni del sud-est asiatico
Prunus armeniaca
Prunus Armeniaca
Prunus persica
Prunus persica
susino
Prunus domestica