Ericaceae

Mirtillo

Vaccinium spp.

Mirtillo

Vaccinium spp.

Il mirtillo è un piccolo arbusto che cresce spontaneo nei boschi di montagna fino a 2300 metri di quota. Ben noto per i suoi frutti, piccole bacche sferiche di circa mezzo centimetro di diametro, di colore nero violaceo, coperte di un sottile strato di pruina azzurrognola, con polpa succosa leggermente acidula e semi bruni di forma semilunare. Il fusto è alto 20-30 centimetri ed è molto ramificato. Le foglie sono piccole, ovali, lucide, di colore verde, pallido nella pagina inferiore e con margini seghettati.

Caratteristiche

i dati principali

DATI GENERICI

pieno sole

fiorita: primavera

arbustiva

Temperato

Perenne

piccola

Europa, America del Nord

esposizione


Può essere messa a dimora in pieno sole, o preferibilmente a mezz'ombra, soprattutto nei luoghi con estati molto calde

fioritura


Produce piccoli mazzetti di fiori campanulati, lievemente cerosi, di colore bianco, all'ascella fogliare

medicina


I mirtilli hanno proprietà medicinali: sono tonici, diuretici, rinfrescanti e astringenti. I costituenti contenuti nei mirtilli sono particolarmente efficaci nel migliorare la sensibilità della retina, migliorando quindi la visione.

storia


La raccolta dei mirtilli ha tradizioni antichissime: il mirtillo nero veniva consigliato da Dioscoride, nel I secolo dopo cristo, per la cura della dissenteria.

segnalazioni


concimazione


L'azoto non deve essere dato in eccesso: soprattutto nei terreni molto ricchi di sostanza organica apporti annui di 30-50 Kg/ha di azoto sono ottimali. Meglio i formulati a base acida ("solfati") per tutti gli elementi.

irrigazione


L'acqua, non calcarea, deve sempre defluire in breve tempo anche in caso di forti precipitazioni

potatura


Eliminare le parti malate e secche. Le piantine di alcune specie come ad esempio il V.corymbosum andrebbero potate dopo la fruttificazione.

malattie


Non è soggetta ad attacchi parassitari di particolare rilievo

particolarità


Evitare di mettere a dimora in luoghi troppo ventosi

temperatura


In genere non teme il freddo invernale, anche se esitono specie più adatte al caldo, e altre più adatte al freddo. Nella valutazione della temperatura è necessario valutare sempre anche il grado di umidità.

substrato


Il mirtillo vegeta bene nei terreni acidi (pH 5-5,5), privi di calcare attivo, ben dotati di sostanza organica, fertili, freschi, tendenzialmente sciolti

propagazione


Viene propagato per talea legnosa o erbacea

clima


Temperato

durata


Perenne

origine


Europa, America del Nord
lampone
Rubus idaeus
fragola
fragaria vesca
nandina
Nandina
Ortensia
Hydrangea macrophylla
Arancio dolce
Citrus sinensis
margherita
Chrysanthemum leucanthemum
Albicocco
Prunus armeniaca
Cannella
Cinnamomum zeylanicum
pratolina
Bellis perennis
rosa canina
rosa canina