Papaveraceae

escolzia

Escolzia

escolzia

Escolzia

Pianta erbacea e fiorita, di coltivazione molto semplice, adatta per ambienti esterni. I fusti sono prostrati e si allargano a formare dei cespugli; i suoi fiori sono molto simili ai papaveri, inoltre, restano aperti solamente se esposti al sole. La specie E.californica, chiamata "papavero della California", ha delle foglie verde-argentato ed uno splendido fiore giallo-arancio. Esistono varietà a fiori doppi e colori che vanno dal bianco, al giallo, al rosa ed allo scarlatto. L'altezza massima che può raggiungere, in alcune tra le 10 specie conosciute, è di 50 cm.

Caratteristiche

i dati principali

DATI GENERICI

pieno sole

fiorita: estate

erbacea

Temperato

Annuale o perenne a seconda delle specie e dell'ambiente in cui sono coltivate.

media

America del nord

esposizione


Trattasi di pianta da esporre al sole pieno

fioritura


Inizia a fiorire a tarda primavera fin quasi ad ottobre.

medicina


Questa piantà possiede svariati alcaloidi. I principali sono Protopina, Cheleritina e la Glaucina. Ha quindi diverse proprietà terapeutiche: sedativa ed analgesica soprattutto. Viene pertanto utilizzata in terapie per combattere l'insonnia, il nervosismo e l'ansia. E' in grado di abbassare la pressione sanguigna e di normalizzare la secrezione biliare. Viene usata anche per le neuropatie infantili. Dagli studi effettuati è stato evidenziato che le donne sono maggiormente ricettive a questi principi attivi.

storia


Il nome di questo genere di pianta fu dato da un botanico, Adelbert von Chamisso, in onore di Johann Friedrich Gustav von Escholtz, un medico estone che fu suo compagno di viaggio e carissimo amico. L'Europa conobbe la pianta proprio grazie ad Escholtz che la introdusse agli inizi del 1800. Ora coltivata come pianta ornamentale per la bellezza delle fioriture. Dal 1913 è il fiore dello stato della California, perchè "i suoi petali sono brillanti come le nostre miniere d'oro, ricchi come i nostri frutti, caldi come lo splendore del nostro sole".

viaggio


Gli indiani d'America la utilizzavano sia come alimento che come medicamento. Per questo secondo scopo veniva impiegata nelle coliche intestinali e per la cura di altri disturbi.

segnalazioni


concimazione


Non richiede terreno particolarmente fertile ma possiamo intervenire con moderate concimazioni liquide per le piante coltivate in vaso.

irrigazione


In presenza di piante giovani mantenere il terreno umido senza eccessi o ristagni d'acqua; è importante annaffiare con regolarità durante il periodo delle fioriture.

potatura


Eliminare le capsule e le parti appassite

malattie


Può essere soggetta a funghi dovuti ad eccesso di umidità. Può essere aggredita da virus che provocano nanismo ed ingiallimenti. Le lumache sono temibili nemici che procurano gravi danni alle foglie; gli afidi possono danneggiarla fino a compromettere la fioritura.

particolarità


Utilizzabile per giardino roccioso o per bordura. Di facile manutenzione e reperibilità . Per garantirsi una fioritura più prolungata è possibile seminare ogni 15 giorni iniziando da marzo.

temperatura


Si consiglia di non scendere sotto gli 0°C. in inverno.

substrato


Non deve essere molto fertile ma ben drenato, soffice, misto a sabbia, si adatta anche a terreni argillosi.

propagazione


Tramite semina direttamente in piena terra. quando le piantine sono maneggiabili è necessario distanziarle di almeno 15 cm.

clima


Temperato

durata


Annuale o perenne a seconda delle specie e dell'ambiente in cui sono coltivate.

origine


America del nord
dracena compacta
Dracaena
Cereus azureus
Cereus azureus
Murraya bonsai
Murraya bonsai
Curcuma alismatifolia
Curcuma alismatifolia
littonia modesta
Littonia modesta
aloe peglerae
aloe peglerae
nolina recurvata
Beaucarnea recurvata
Pachyphytum oviferum
Pachyphytum oviferum
Lemon grass
Cymbopogon
Euphorbia neriifolia
Euphorbia neriifolia