Liliaceae

Agapanthus orientalis

Agapanthus orientalis

Agapanthus orientalis

Agapanthus orientalis

Pianta erbacea, la cui altezza può arrivare ad 80 cm. Le foglie sono verdi, nastriformi, arcuate, leggermente carnose; sono lunghe fino a 60-80 cm ed in genere, nei luoghi con inverni rigidi, seccano all'inizio dell'autunno, per spuntare ancora in primavera inoltrata. Il fiore è di colore blu e ha la classica forma ad ombrello, ma può essere anche bianco. Ogni stelo può portare anche 25/30 fiori che occupano, di solito, uno spazio di circa 10 cm

Caratteristiche

i dati principali

DATI GENERICI

pieno sole

fiorita: estate

erbacea

temperato

Perenni o annuali secondo il tipo di coltivazione

media

Africa meridionale, in particolare Sudafric

esposizione


Amano le posizioni soleggiate, molto luminose, anche il sole diretto

fioritura


fiorisce a fine giugno

arte


Il pittore Claude Monet sceglie gli agapanti ed altri fiori per comunicare una nuova poesia ed una nuova pittura

letteratura


Il nome deriva dal greco agàpe che significa (amore) e ànthos che vuol dire (fiore).

concimazione


Utilizzare concime liquido da somministrare alla pianta prima e durante la fioritura

segnalazioni


irrigazione


Le annaffiature dovranno essere molto frequenti subito dopo l'interramento del tubero e fino all'autunno, mentre dovranno essere sospese in inverno. In ogni caso evitare i ristagni d'acqua

potatura


Si eliminano le parti danneggiate e sfiorite

malattie


Può essere soggetto ad alcuni tipi di funghi dovuti ad eccessiva umidità del terreno

particolarità


In caso di zona con forti sbalzi di temperatura si consiglia la coltivazione in vaso per il ricovero invernale. In primavera ed estate la pianta ha bisogno di un'annaffiatura regolare, in inverno il substrato si deve lasciare appena umido. Durante i mesi invernali il fogliame deperisce e si dissecca, quindi la pianta entra in riposo vegetativo fino alla primavera inoltrata

temperatura


Pianta adatta alle alte temperature. Per la coltivazione in piena terra si dovrà avere cura, nel periodo invernale, di ricoprire il piede della pianta con una coltre di foglie o di paglia in modo da proteggerla dal gelo. Per la coltivazione in vaso, invece, si dovrà porre al riparo in serra fredda o in luogo riparato, in modo che non sia esposta ad una temperatura al di sotto dei 5°C

rinvaso


ogni 2 o 3 anni,, in primavera, utilizzando un vaso solo leggermente più ampio del precedente.

substrato


Il terreno ideale è composto da terra fibrosa, terra di foglie, sabbia e da una parte di concime. Nella coltivazione in vaso occorre un mix con prevalenza di terra con torba e sabbia o ghiaietta sul fondo

propagazione


La pianta si sviluppa da tuberi che vanno interrati in primavera, ad una profondità di circa 15-20 cm

clima


temperato

durata


Perenni o annuali secondo il tipo di coltivazione

origine


Africa meridionale, in particolare Sudafric
Achillea filipendulina
Achillea filipendulina
Achillea
Achillea millefolium
anemone
Anemone
anemone japonica
Anemone japonica
Alocasia metallica
Alocasia sanderiana var. metallica
anemone hortensis
Anemone hortensis
amelanchier
Amelanchier canadensis
aechmea
aechmea fasciata
Aeschynanthus cordifolia
Aeschynanthus cordifolia
Amamelide
Hamamelis mollis