X

descrizione generale

pianta rampicante con foglie trilobate che presentano una peluria di colore biancastro. I fiori hanno i petali rosa ed il calice lungo e sviluppato, la corona non è molto appariscente. Ai fiori fanno seguito i frutti che sono delle bacche di forma ovoidale.

esposizione

esporre in pieno sole o alla mezz'ombra.

fioritura

la pianta fiorisce da giugno a settembre.

concimazione

utilizzare dello stallatico ben maturo per arricchire il terreno d'impianto o di semina.

irrigazione

ntervenire con regolarità durante la stagione più calda, diminuire al calare della temperatura.

potatura

In marzo è possibilie eliminare i rami deboli o danneggiati dal freddo e sfoltire le piante particolarmente rigogliose, tagliando i rami a 15 cm. di lunghezza.

malattie

Non si segnalano malattie o parassiti particolari, se mantenuta nelle condizioni ideali di coltivazione non presenta quasi mai problemi. Può essere attaccata dagli acari, che possono provocare la comparsa di macchie puntiformi sul fogliame, si combattono con acaricidi.

particolarità

Per la coltivazione in vaso non posizionarla in zone troppo ventilate o soggette a bruschi sbalzi di temperatura

temperatura

Predilige temperature miti, sopporta molto bene il caldo

rinvaso

utilizzare sempre dei vasi solo leggermente più ampi dei precedenti

substrato

si adatta a qualsiasi tipo di terreno, anche arido, ma predilige substrati leggermente umidi e freschi.

propagazione

La passiflora si può seminare da ottobre alla temperatura di 18 °C. Quando le paintine saranno abbastanza grandi da poter essere maneggiate agevolmente, possono essere collocate in piccoli vasetti. Successive rinvasature saranno effettuate via via che la pianta cresce. Le piante destinate alla coltivazione all'aperto devono essere tenute in cassone freddo fino a maggio. Nuovi esemplari si possono ottenere anche mettendo a radicare, in cassone da moltiplicazione in una miscela di torba e sabbia, talee ottenute in luglio-agosto, prelevando dai fusti rametti lunghi 8-10 cm. Non tutte le specie radicano facilmente per talea e quelle più delicate potranno essere moltiplicate anche per propaggine, interrando in un vasetto a parte il ramo interessato, nel punto in cui è semilegnoso.

NOMENCLATURA

passiflora mollissima
Passifloraceae
passiflora mollissima

DATI GENERICI

pieno sole

fiorita: estate

rampicanti

temperato

perenne

media

America del sud

CURIOSITA'

ARTE

Chiamato volgarmente "fiore della passione", racchiude nella sua corolla tutti gli elementi simbolici del sacrificio di Cristo: un cerchio di filamenti purpurei rappresenta la corona di spine, i tre stili raffigurano i chiodi, lo stame, il martello. Nel vocabolario ottocentesco dei sentimenti a simboleggiato la fede religiosa.

STORIA

La pianta deve il suo nome alle differenti parti del fiore che ricordano gli strumenti della crocefissione di Cristo. I filamenti disposti a ragigera ricordano la corona di spine, lo stilo al centro è la colonna della flagellazione, gli stimmi i chiodi, lo stame, la spugna imbevuta di aceto, le cinque macchie rosse sulla corolla rappresenterebbero infine le cinque piaghe. Nei paesi d'origine è conosciuta con il nome di granadilla.

LETTERATURA

La leggenda vuole che la pianta si sia arrampicata sulla croce di Gesù per dargli un solievo.

VIAGGIO

La Passiflora a partire dagli Incas è sempre stata usata dalle popolazioni dell'America latina per le sue proprietà lassative e leggermente sedative.