Orchideaceae

orchidea aerangis

aerangis

orchidea aerangis

aerangis

Specie epifita di piccole dimensioni a sviluppo simpodiale, forma piccoli ceppi di foglie obovate, bilobate e carnose, di colore verde scuro con piccole punteggiature nere. Lungo racemi penduli lunghi da 10 a 40 centimetri, in inverno/prima primavera, spuntano da 7 a 20 fiori bianchi, di 2.5 centimetri, cerosi, durevoli e profumati durante la notte.

Caratteristiche

i dati principali

DATI GENERICI

luce intensa

fiorita: primavera

erbacea

temperato

perenne

piccola

Africa orientale, Zanzibar.

esposizione


Scegliere un luogo molto luminoso della casa evitando di esporla ai raggi diretti del sole specie se filtrati da un vetro.

fioritura


presenta fioritura primaverile

arte


L'estrema bellezza di questi fiori ha evocato il simbolo dell'armonia e dell'estrema perfezione spirituale.

letteratura


La stupefacente bellezza di questi fiori ha evocato il simbolo dell'armonia e dell'estrema perfezione spirituale. I Greci la chiamavano kosmosandalon ossia "sandalo del mondo", per il tipico labello rigonfio che si ritrova in molte specie spontanee. Una leggenda narra del giovane ermafrodito Orchide, che era disperato perchè il suo sensualissimo aspetto lo rendeva strano agli occhi degli altri e perciò veniva rifiutato da tutti. La sua ambiguità si rifletteva anche nel carattere: talvolta timido e schivo come una ninfa, talaltra aggressivo e lussurioso come il Dio Pan. Un giorno, per la disperazione, si gettò da una rupe. In seguito, dal suo sangue spuntarono moltissimi fiori, diversi gli uni dagli altri, ma tutti simili nella fastosa e bizzarra sensualità.

concimazione


utilizzare dei fertilizzanti per orchidee seguendo le dosi indicate sul prodotto.

irrigazione


intervenire in modo regolare durante le fase vegetativa, nella bella stagione, con il calare delle temperature diminuire gli interventi. Nebulizzare il fogliame con acqua priva di calcare e di calcio per incrementare il tasso di umidità ambientale.

segnalazioni


malattie


temperature troppo alte possono far soffrire la pianta che può presentare foglie appassite e pseudobulbi troppo chiari e poco turgidi. In coltivazione non subisce particolari attacchi da agenti patogeni, è sufficiente proteggerla da attacchi fungini e/o da possibili colonizzazioni di cocciniglie, lumache, chioccioline e formiche, usando prodotti poco nocivi

temperatura


la temperatura varia tra i 10°C e i 30°C., non tollera temperature basse ma neppure il caldo eccessivo.

rinvaso


un'orchidea epifita va rinvasata soltanto se è cresciuta troppo. I contenitori da scegliere sono soltitamente più piccoli se si pensa alle proporzioni per piante di altrio genere. Scegliere vasi con grandi fori per il drenaggio al fondo, cestini di legno, tralci di vite. Il rinvaso va effetutato dopo la fioritura, all'inizio dellla nuova vegetazione.

substrato


utilizzare un substrato dedicato per orchidee a drenaggio medio.

propagazione


per divisione, per semina o per meristema. La prima soluzione è adatta anche al neofita, per le successive bisogna avere una certa esperienza.

clima


temperato

durata


perenne

origine


Africa orientale, Zanzibar.
achimenes
Achimenes
pino silvestre
pinus sylvestris
arauji
Araujia sericifera
Yucca
Yucca
Agave sisalana
Agave sisalana
hamamelis
Hamamelis
Cavolo verza o cavolo di Milano
Brassica oleracea sabauda
araucaria
Araucaria
orchidea Acineta
acineta
Cruciata laevipes (nome comune Crocettona glabra)
Cruciata laevipes