Geraniaceae

geranio a farfalla

Pelargonium grandiflorum

geranio a farfalla

Pelargonium grandiflorum

Sono specie dicotiledoni. Piante erbacee con foglie opposte, vellutate, palminervie e profondamente lobate. Fiori pentameri, con cinque macchie bruno-rossastre, ermafroditi, spesso riuniti in infiorescenze. I semi sono penduli con embrione ricurvo. Sono provvisti di caule

Caratteristiche

i dati principali

DATI GENERICI

pieno sole

fiorita: primavera

erbacea

Temperato

Annuale o biennale

media

Africa australe

esposizione


Durante tutta la coltura le piante vanno tenute in ambiente luminoso e poco umido. Per favorire una crescita compatta e ben formata, non si ombreggia in autunno e in inverno. L'ombreggiamento si renderà necessario da marzo in poi, in giornate molto calde, per evitare l'appassimento delle foglie e per conseguenza, macchiature o essiccamenti. In questi giorni l'ombreggiamento non deve essere continuo, ma ristretto alle ore più calde. Ombreggiando oltre si ritarda la fioritura

fioritura


Inizia a fiorire verso marzo fino a circa fine ottobre

medicina


Presenta proprietà antisettiche, cicatrizzanti, toniche, astringenti, emostatiche, stimolanti della corteccia surrenale, antidepressive, repellenti per gli insetti, antinevralgiche. Presenta, dunque, indicazioni per dermatosi, bruciature, nevralgie facciali, cellulite, edemi, ingorgo mammario, stress, stanchezza. L'essenza è utile per la sovreccitazione e l'agitazione dei bambini, grazie alla sua azione riequilibrante sul sistema nervoso. Si armonizza bene con l'olio di rosa e di agrumi, ma può essere combinata con altre miscele, a cui aggiunge una piacevole nota di freschezza. Frizionare durante o dopo la doccia e il bagno, diluito con un olio vettore

storia


Il genere Pelargonium appartiene alla famiglia Geraniaceae, che comprende altri dieci generi. La caratteristica che accomuna tutti questi generi è il tipico frutto allungato (uno schizocarpo con cinque singoli loculi, detti pericarpi, contenenti ognuno un seme) che ricorda la testa di un uccello. Proprio dalla forma del frutto derivano i nomi, mutuati dal greco, di alcuni di questi generi: Pelargonium da pelargos, che significa cicogna, Geranium da geranos, che significa gru, Erodium da erodos, che significa airone. Il genere Pelargonium comprende circa 200 specie, la maggior parte delle quali è originaria del Sud Africa, nella Provincia del Capo, mentre poche altre sono originarie dell'africa tropicale, della Siria, dell'australia e di alcune isole dell'oceano Indiano. Le prime notizie su questo genere risalgono al XVII secolo. I pelargoni del Capo attrassero l'attenzione di numerosi viaggiatori che si trovarono a transitare per quella regione durante le esplorazioni delle coste dell'africa. A partire dal 1600 il Capo di Buona Speranza rappresentò un approdo per i vascelli che facevano rotta verso l'estremo oriente; qui ci si riforniva di acqua potabile e di tutto ciò che era necessario al lungo viaggio. Spesso l'equipaggio comprendeva naturalisti incaricati di compiere esplorazioni scientifiche e raccogliere esemplari botanici e zoologici, che venivano poi inviati ai musei e giardini botanici europei. Nel 1802 la Colonia del Capo diventò inglese e da quel momento giunsero in Gran Bretagna un gran numero di esemplari, ormai molto richiesti anche grazie al ricorso della coltivazione in ambiente protetto e al perfezionamento delle tecniche di ibridazione, che permisero di ottenere numerose nuove varietà. I pelargoni raggiunsero l'apice del successo nell'epoca vittoriana e la loro popolarità perdurò fino all'inizio della prima guerra mondiale, quando, in Inghilterra, fu proibita la coltivazione delle piante ornamentali in serra. Anche nel resto dell'Europa ci si interessò a queste piante, in particolare in Francia, dove furono introdotte numerose varietà da Lemoine e Bruant, e in Germania grazie all'opera di Burger e Faiss. I pelargoni, oltre ad essere ancora oggi popolarissime piante ornamentali, hanno anche altri impieghi: P. radens, P. graveolens, P. capitatum e P. odoratissimun sono usati per la produzione di olii essenziali (geraniolo e citronella) spesso usati in sostituzione di quelli, molto più costosi, ottenuti dalle rose, mentre sono note da tempo le proprietà curative contro la dissenteria e le ulcere dell'apparato digerente di altre specie, tra cui P. triste e P. antidysentericum

concimazione


E' consigliabile partire con un terriccio solo leggermente concimato per poi seguire la crescita della pianta aumentando le concimazioni. Si interrompe la concimazione prima dell'inizio della fioritura. Durante la coltivazione si usano concimi N:P:K bilanciati, da febbraio in poi si passa a concimi con P e K più elevati

segnalazioni


irrigazione


Dopo l'invasatura l'assorbimento d'acqua delle diverse varietà o anche di singole piante può essere molto diverso; quindi nei primi 15 giorni, l'irrigazione va eseguita con molta cura, evitando di bagnare le piante già umide. Durante la fase di bottonamento a basse temperature, l'irrigazione va eseguita senza bagnare la vegetazione per evitare l'insorgere di Botrytis. In primavera, con l'aumento della luminosità, si aumentano le irrigazioni per evitare stress da siccità

potatura


E' bene asportare le infiorescenze sfiorite sia per questioni di fitosanità sia per stimolare una maggiore emissione di fiori. Prima di andare in riposo si può praticare una potatura di riduzione

malattie


Possono essere soggetti a marciumi vari o funghi dovuti ad eccessiva umidità

particolarità


Quando si annaffia non bagnare i fiori, ed evitare i ristagni d'acqua. Eliminare i fiori appassiti ed, infine, ricordiamo che durante tutta la coltivazione le piante devono essere spaziate adeguatamente, per non compromettere una buona formazione e le foglie laterali

temperatura


Ad inizio coltura la temperatura deve aggirarsi intorno ai 16 - 18 gradi. Per indurre, invece, le piante a formare i bottoni fiorali, da gennaio in poi la temperatura si dovrà abbassare a 8-10 gradi per circa 4-6 settimane. In seguito si ritornerà a 15-16 gradi

rinvaso


A inizio primavera potando decisamente la pianta e sostituendo il terriccio

substrato


l'apparato radicale dei Pelargonium Grandiflorum è molto più fine di quello dei gerani; le piante, quindi, vanno invasate subito, senza togliere il velino del velopot. A chi non ha ancora esperienza con questa coltivazione, consigliamo per la prima invasatura un vaso da 10 cm e dopo circa 6-8 settimane il vaso definitivo. I vasi finali vanno da 13 ai 16 cm, secondo il periodo di inizio coltura. Il terriccio deve essere ben arieggiato con circa un 15-20 % d'argilla; il pH indicato è leggermente acido, ed oscilla tra 5,5 e 6,5

propagazione


La moltiplicazione avviene sia per seme sia per talea: il primo metodo permette di avere nuovi ibridi, mentre per conservare le caratteristiche della pianta madre si ricorre esclusivamente alla talea

clima


Temperato

durata


Annuale o biennale

origine


Africa australe
geranio capitatum
Pelargonium capitatum
geranium pratense
Geranium pratense
geranio crispum
Pelargonium crispum
Geranium rotundifolium
Geranium rotundifolium
geranio odoratissimum
Pelargonium odoratissimum
geranio cinereum
geranium cinereum
verbena
Verbena officinalis
Basilico
Ocimum basilicum
primula
Primula malacoides
Finocchio marino
Crithmum maritimum L.