Orchidaceae

Orchidea restrepia

Restrepia brachypus 'striata'

Orchidea restrepia

Restrepia brachypus 'striata'

orchidee epifite prive di pseudobulbi. Le foglie sono lunghe, di consistenza cuoiosa e di colore verde scuro. I fiori coloratissimi possono essere prevalentemente gialli o rosa con varie sfumature, puntinature arancioni o porporine. il fiore si presenta solitario su un corto fusto e si adagia sulle foglie.

Caratteristiche

i dati principali

DATI GENERICI

luce intensa

fiorita: tutto l'anno

erbacea

temperato caldo

perenne

media

America centrale e meridionale

esposizione


scegliere una zona ben illuminata della casa ma evitare accuratamente che riceva raggi del sole diretti sul foglieme e sui fiori.

fioritura


in natura fioriscono durante tutto l'arco dell'anno, alle nostra latitudini solitamente fioriscono durante la stagione estiva.

arte


L'estrema bellezza di questi fiori ha evocato il simbolo dell'armonia e dell'estrema perfezione spirituale.

letteratura


Nell'antica Cina le orchidee erano associate alle festività primaverili, ed in particolare avevano la funzione di allontanare la sterilità. Il medico Dioscoride consigliava di mangiarne i tuberi proprio come rimedio contro la sterilità. Nel medioevo le radici di queste piante erano usate per la preparazione di filtri amorosi. I Greci la chiamavano kosmosandalon, "sandalo del mondo", a causa della forma del labello che può ricordare la punta di una scarpa. Narra una leggenda, che un giovanotto di nome Orchide, non sapeva se era un maschio oppure una femmina e veniva allontanato da tutti. Era un ermafrodito dal carattere cangiante. Un giorno, disperato, si gettò da una rupe sfracellandosi su un praticello dove spuntarono dal suo sangue tanti fiori diversi ma simili nella loro forma carca di sensualità. Vennero così chiamati Orchidee.

concimazione


utilizzare del fertilizzante dedicato per orchidee, rispettando le dosi indicate sul prodotto.

segnalazioni


irrigazione


necessita di interventi regolari per annaffiare il substrato cercando di mantenerlo solo leggermente umido. Nei periodi più caldi nebulizzare utilizzando acqua piovana o distillata a temperatura ambiente.

potatura


eliminare le parti sfiorite o danneggiate

malattie


non è particolarmente soggetta a malattie, può subire attacchi da parte di cocciniglie se il luogo in cui si trova è poca arieggiato

particolarità


molte specie di questo genere presentano varianti anche importanti che ne rendono difficoltoso il riconoscimento e la classificazione. la coltivazione non è molto semplice.

temperatura


questa specie teme il caldo troppo intenso, predilige temperature miti, la minima può arrivare a 12°C e per brevi periodi può scendere fino ai 5°C.

rinvaso


Durante la stasi vegetativa indicativamente ogni 3 anni. Dopo la rinvasatura si consiglia di non annaffiare le piantine per due settimane. Scegliere sempre un contenitore solo leggermente più ampio del precedente

substrato


scegliere un substrato pronto per orchidee epifite, oppure, preparare un miscuglio di perlite, corteccia sminuzzata e sfagno, il tutto deve garantire un ottimo drenaggio

propagazione


Tramite suddivisione dei rizomi durante la stasi vegetativa. Si dividono i rizomi, tagliandoli in due parti con un coltello, ogni parte dev'essere invasata e da qui si formeranno dei nuovi germogli. Si fanno crescere i nuovi germogli per un anno, quindi si staccano dai rizomi vecchi e si rinvasano.

clima


temperato caldo

durata


perenne

origine


America centrale e meridionale
orchidea promenaea
promenaea