X

descrizione generale

pianta erbacea, presenta caule cilindrico alto 70 cm e rivestito da larghe foglie lineari, appuntite, cilindriche, di colore verde intenso e leggermente solcate. L'organo sotterraneo è il bulbo che è costituito da 8-14 bulbilli, detti impropriemente spicchi, si tratta di una serie di foglie modificate, squamiformi, carnose, ammassate le une sulle altre e avvolte da membrane dalla consistenza cartacea. A fioritura l'aglio emette uno stelo rigido sulla cui sommità appare l'infiorescenza a ombrella composta da piccoli fiori rosa biancastri avvolti in una brattea. Il frutto è una capsula membranosa.

esposizione

esporre in una zona soleggiata o alla mezz'ombra

fioritura

fiorisce durante la primavera

concimazione

utilizzare dello stallatico ben maturo in inverno

irrigazione

Mantenere il terreno non eccessivamente umido in estate ed evitare i ristagni d'acqua. Ridurre drasticamente in inverno

potatura

eliminare le parti danneggiate

malattie

Si possono formare, in condizioni di umidità troppo elevata, alcuni tipi di funghi dovuti ad eccesso di umidità del terreno

particolarità

Se possibile posizionare in zona non soggetta a correnti d'aria. In estate bagnare la mattina presto o la sera tardi. Non sono richieste cure particolari

temperatura

tollera il caldo e non teme il freddo.

substrato

si adatta a qualsiasi tipologia di terreno

propagazione

Tramite seme o per suddivisione dei bulbi in primavera

NOMENCLATURA

allium sativum
alliaceae
aglio

DATI GENERICI

pieno sole

fiorita: primavera

erbacea

temperato

annuale

media

l'aria di origine è asiatica.

CURIOSITA'

STORIA

coltivato fin dall'antichità, troviamo riferimenti a questa pianta fin dalla civiltà Egizia. Bulbi di aglio sono stati trovati nella tomba di Tutankamen e pare che uno spicchio venisse dato agli schiavi che costruivano le piramidi per aumentare rendimento e resistenza agli sforzi. L'aglio è conosciuta fin dall'antichità in medicina e in cucina ma non era gradita agli dei, infatti, chi ne mangiava non poteva recarsi al tempio. Durante la prima guerra mondiale venne usato al posto degli antisettici.

LETTERATURA

il suo nome potrebbe avere origini celtiche, infatti, all significa bruciante, caldo. Ippocrate ne raccomandava l'uso per le sue proprietà curative, Virgilio ne parlava nelle Bucoliche. All'aglio sono state attruibuite anche proprietà scaramantiche, trecce d'aglio venivano poste in casa per tenere lontano gli spiriti maligni.

Tra le piante di:

ciaociao

Foto Dagli Album