violaceae

viola mammola

viola odorata

viola mammola

viola odorata

La Viola odorata, chiamata anche Viola mammola, ha foglie basali ovato cordate, fusti fioriferi semi prostrati forniti di foglie rotondeggianti. I fiori sono di color violetto scuro, gradevolmente profumati e presentano delle stipole larghe con frange brevi e ghiandolose. Per questa specie si consiglia la coltivazione biennale. Le varietà coltivate presentano fiori di diversi colori, bianco, viloetto e rosa.

Caratteristiche

i dati principali

DATI GENERICI

Penombra

fiorita: primavera-estate

erbacea

temperato

perenne

piccola

Europa

esposizione


Prediligono luoghi freschi alla mezz'ombra o anche all'ombra totale.

fioritura


primaverile

arte


La Viola mammola indicava la modestia , l'onesta ed il pudore.

letteratura


Una leggenda narra che Zeus, che aveva dovuto trasformare una sua amante, Io, in una giovenca, le aveva poi creato un fiore per nutrirsi, la Viola mammola. Una versione del mito di Attis narra che il giovane , che non poteva sposarsi con l'amata principassa Atta, si evirò sotto un Pino e morì. Dal suo sangue crebbero viole dai petali rosseggianti. Disperata per la sua morte anche Atta si uccise e dal suo sangue crebbero altre Viole. Il 22 marzo si celebrava il culto in nome di Attis nella Roma Imperiale. Era il giorno della viola, infatti, si trasportava in processione un trobnco di pino adornato di Viole. L'eroe della Viola è colui che si sacrifica per trasformarsi in questo fiore. Si narra che i cavalieri della tavola rotonda consultassero le Viole per conoscere il loro destino.

segnalazioni


storia


Gli Inglesi fin dal Medioevo avevano una particolare predilezione per questo fiore. Quando Josèphine Beauharnais incontrò Napoleone gli donò proprio un mazzetto di Viole mammole che adornavano le sue vesti. Napoleone adotto questo fiore anche per l'amante Maria Walewska. I Bonapartisti ne fecero poi il loro fiore simbolo, contrapponendolo al giglio dei Borboni.

concimazione


si consiglia, durante la preparazione del substrato, di incorporarvi dello stallatico maturo, oppure, utilizzare del fertilizzante per piante fiorite, durante la stagione vegetativa.

irrigazione


Mantenere il terriccio umido, senza creare ristagni idrici. Diminuire gradualmente gli interventi con l'abbassamento della temperature.

potatura


Per avere fioriture abbondanti possiamo procedere praticando una semplice toelettatura, eliminando quindi le parti secche, appassite o lesionate.

malattie


La viola può essere soggetta ad attacchi di diversi tipi di funghi. La ruggine ad esempio, come altre malattie fungine, si previene evitando gli eccessi idrici.

particolarità


Di questa pianta fiorita esistono più di 400 specie. Adatte a tutte le coltivazioni Si deve mantenere sempre il terreno abbastanza umido

temperatura


Sopporta bene sia il caldo non eccessivo sia le basse temparature, senza eccessi.

rinvaso


Solo quando necessario all'inizio della primavera.

substrato


Leggero, si consiglia un mix di terra, torba e sabbia, con prevalenza di torba. Bene anche il terriccio per piante fiorite.

propagazione


Tramite semi, in cassetta, a fine estate. Le piantine possono essere messe a dimora nel mese di ottobre, dove il clima è mite, in primavera, dove il clima è più rigido.

clima


temperato

durata


perenne

origine


Europa
saponaria
Saponaria
artiglio del diavolo
harpagophytum procumbens
thymus
thymus polytrichus
viola del pensiero
viola tricolor
Ruta
Ruta graveolens
Alstroemeria
Alstroemeria
anemone coronaria
anemone coronaria
calendula
Calendula
Sedum rubrotinctum
Sedum rubrotinctum
verbena
Verbena officinalis