cistaceae

cisto

cistus

cisto

cistus

Arbusto sempreverde con aspetto tondeggiante, di facile coltivazione, è una specie polimorfa della macchia mediterranea, propria delle pendici più calde e secche. Le foglie sono vellutate e simili nel colore a quello della salvia, i fiori sono semplici, delicati ma molto ornamentali, simili nella forma alle rose selvatiche. Questi fiori durano solamente una giornata ma la fioritura è costante; solitari o in gruppi di 2 o 3, hanno sepali subeguali tra di loro; la corolla, rosa o rossa, misura 4-6 cm di diametro, con petali rotondeggianti e smarginati lunghi da 2 a 3 volte i sepali.

Caratteristiche

i dati principali

DATI GENERICI

pieno sole

fiorita: primavera-estate

arbustiva

temperato - mediterraneo

perenne

piccola

Area Mediterranea: L'area di distribuzione va dalla Sardegna, Sicilia, penisola italiana, fino alla Dalmazia, Grecia Asia minore e Palestina.

esposizione


predilige il sole pieno o al massimo la mezz'ombra

fioritura


Fiorisce a fine primavera-inizio estate, presenta diverse colorazioni.

concimazione


Utilizzare concime ternario complesso

irrigazione


Deve essere annaffiata in maniera moderata, anche se generalmente si accontentano dell'acqua piovana. L'unica accortezza è evitare che si creino ristagni d'acqua.

potatura


Eliminare le parti secche, danneggiate o antiestetiche. Gli esemplari giovani possono essere cimati per favorire una ramificazione migliore.

malattie


Potrebbe essere soggetta all' attacco degli afidi

particolarità


Le foglie sonodi un colore simile a quello della salvia Evitare i ristagni d'acqua che possono essere fatali per la pianta

temperatura


In generale teme molto le basse temperature, le alte le sopporta meglio ma il clima ideale è sicuramente privo di eccessi di calore o di gelo. Le piante giovani resistono meglio al freddo rispetto a quelle più anziane. Tra le specie e gli ibridi, alcuni sono più delicati al freddo, altri arrivano a sopportare temperature molto al di sotto dello zero

segnalazioni


rinvaso


A primavera effettuare il cambio del vaso con uno di poco più grande, mantenendo il terriccio precedente.

substrato


Predilige un terreno piuttosto povero e molto ben drenato.

propagazione


Avviene per seme in primavera e per talea semilegnosa a fine estate. A radicazione avvenuta, le talee si invasano e si fanno svernare in ambienti luminosi, al riparo da eventuali gelate. L'anno successivo, in primavera, si piantano in vasi di 12 cm circa.

clima


temperato - mediterraneo

durata


perenne

origine


Area Mediterranea: L'area di distribuzione va dalla Sardegna, Sicilia, penisola italiana, fino alla Dalmazia, Grecia Asia minore e Palestina.
erica
Calluna
Agapanthus
Agapanthus
Ginepro nano
Juniperus nana
pratolina
Bellis perennis
cornus
cornus
Caryopteris
Caryopteris
Metrosideros excelsus aurea
Metrosideros albiflora
rosmarino
Rosmarinus officinalis
ceratostigma
ceratostigma plumbaginoides
ceanothus
Ceanothus