X

descrizione generale

Pianta acquatica rustica, con foglie peltate dotate di picciolo posizionato al centro della lamina verde rotonda, increspata e rivestita di un malto ceroso. I fiori fuoriescono dall'acqua e sono molto ornamentali. Si presentano con boccioli ovali per poi schiudersi diventando molto grandi. La specie N. nucifera possiede fusti fiorali lunghi più di 1 m con fiori rosa-viola; la specie N. lutea è più rara ed ha grandi fiori profumati di colore giallo.

esposizione

Sia ad ombra parziale che ai pieni raggi solari.

fioritura

fiorisce durante l'estate

potatura

Se crescono troppo fitte diradarle.

malattie

Possibili afidi e funghi, da combattere con appositi prodotti.

temperatura

Questa pianta resiste al freddo ed al caldo.

substrato

Necessita di un minimo di 20cm d'acqua, se in una vasca occorre uno strato di terra di almeno 15 cm; man mano che le piante crescono, aumentare il livello dell'acqua.

propagazione

Si effettua per divisione dei rizomi che si piantano in primavera in un terreno ricco di sostanza organica. L'acqua va poi aggiunta gradualmente con lo sviluppo della pianta.

NOMENCLATURA

Nelumbo
Nymphaeaceae
Nelumbo

DATI GENERICI

Penombra

fiorita: estate

acquatica

temperato

perenne

media

America centrale e meridionale

CURIOSITA'

ARTE

Viene spesso raffiugurato come un fiore d'oro dai mille petali ed è il simbolo della grazia femminile e della fecondità. Il Loto Egiziano si trova spesso rappresentato negli elementi architettonici di quel popolo. Iside lo portava sul suo scettro a rappresentare la fecondità del fiume Nilo. L'immagine del Dio sole seduto sul Loto fu rappresentata su molti oggetti.

STORIA

Il fiore di Loto, sencondo la tradizione Induista, è il simbolo della prima manifestazione dell'essere supremo; è la porta del grembo dell'universo. La Dea loto fu venerata anche dalla popolazione pre ariana fino a quando il suo culto non venne inglobato nella tradizione vedica. La figura di colei che tiene in mano il Loto, nel buddhismo tantrico, dove le idee del buddhismo si amalgamano con quelle dell'Induismo, è una manifestazione letteraria della saggezza trascendente. Ogni varietà di loto simboleggia nel Buddhismo uno stato spirituale. Il bianco è lo stato di purezza mentale e di perfezione spirituale del Buddha. Il Loto rosa rappresenta il Buddha Siddhartha Gaitama; in generale, nelle sette esoteriche, è sempre la più alta espressione della divinità. Il rosso è il colore della compassione da parte del Buddha; mentre, l'azzurro, è la sua intelligenza suprema, infatti, in questo caso il fiore viene rappresentato chiuso perchè i mortali non possono contemplarla. Quasi tutte le divinità del Buddhismo sono rappresentate sedute su fiori di Loto che ne simboleggiano la totale purezza, i mille petali rappresentano la pluralità degli universi sui quali regnano le divinità raffigurate. Il popolo Egizio lo considerava il simbolo dell'eloquenza.

LETTERATURA

Il Loto cosmico assunse le sembianze di una Dea-loto che era la grande Dea Madre adorata in vaste aree del mondo, simile ad Afrodite e Hathor. Nella letteratura latina ne parla Omero, nell'Odissea, come di un cibo magico in un mondo fiabesco.

Tra le piante di:

ciao

Foto Dagli Album