graminacee

mays

zea mays

mays

zea mays

erbacea che cresce fino a 5 metri di altezza. produce 1-2 pannocchie per pianta. A maturità le pannocchie si riempiono di di cariossidi, ossia di piccoli frutti, disposti ordinatamente in file pari, di colore giallo. Esistono delle varietà con chicci blu, rosa,rossie neri. Quando sono maturi i chicchi appaiono grandi e cerosi

Caratteristiche

i dati principali

DATI GENERICI

pieno sole

fiorita: primavera-estate

erbacea

tropicale o temperato

coltivazione annuale

grande

America centrale e meridionale

esposizione


esporre in una zona molto assolata

fioritura


il fiore femminile si forma all'ascella delle foglie ed è fecondato dalla caduta del polline dal fiore machile conosciuto come pennacchio.

letteratura


Il suo nome ha origine araucana (maiz). In Italia si utilizzano molti sinonimi diversi, tra i quali granturco o granoturco, granone, frumentone, formentone, formentazzo, grano siciliano, melica o melega, biava; quasi tutti derivati da dialetti regionali.

storia


La storia del mais è stata a lungo controversa. Darwin ne sostenne la probabile origine sudamericana, ma la beffa degli scavatori ai danni di un archeologo impegnato tra le piramidi egiziane, cui fu "fatto scoprire" un pugno di semi in un sarcofago, accreditò l'origine africana, sostenuta da Matteo Bonafous e duramente ribattuta da De Candolle. Tutte le indagini successive militavano, peraltro per l'origine mesoamericana, che venne definitivamente stabilita da MacNeish tra gli anni sessanta e gli anni settanta del Novecento. L'archeologo statunitense individuò la culla della coltura nella grande valle messicana di Tehuacàn, nella regione di Oaxaca, dove esiste una pluralità di grandi insediamenti precolombiani. Restava da risolvere il problema dei mais peruviani, che mostrano una collezione di tipi significativamente diversi da quelli messicani. Il problema è stato risolto supponendo una precocissima migrazione di semi dal Messico al Perù, e con l'interruzione di comunicazioni successive, causa dell'indipendenza dei cataloghi delle varietà messicane e peruviane. In Italia la coltura è già fiorente a metà del Cinquecento,

concimazione


utilizzare dellos tallatico maturo per arricchire il terreno, ottima per la concimazione la pollina.

irrigazione


e' preferibile una irrigazione per ruscellamento. Mantenere il soilo leggermente umido, in particolare in momenti di grande caldo. Non bagnare i pennacchi.

malattie


subisce l'attacco di diversi parassiti come larve di lepidotteri e di agrotidi. Trattare con insetticidi specifici. Proteggere dagli uccelli infase di maturazione delle carossidi

particolarità


rende bene anche ai bordi di una coltura di patate.

segnalazioni


temperatura


teme le gelate, ma sopporta molto bene anche il caldo intenso

substrato


si adatta a qualsiasi tipologia di terreno ma preferisce substrati profondi e freschi

propagazione


si coltiva dalla primavera a metà estate, nelle aree fredde seminare ad inizio primavera. Il frutto matura dopo 12 - 14 settimane dalla semina

clima


tropicale o temperato

durata


coltivazione annuale

origine


America centrale e meridionale