Iridaceae

Iris germanica

Iris germanica

Iris germanica

Iris germanica

pianta erbacea perenne con grosso rizoma strisciante, ramificato e profumato. Si presenta con un fusto eretto di altezza variabile da 15 a 100 cm, poco ramificato. I fiori sono eleganti e di colore bianco, profumati e grandi, con brattee scolorate, con perigonio di colore violaceo-pallido o quasi bianco. Le foglie, solitamente radicali, a forma di sciabola sono erette ed acuminate. I frutti sono capsule oblunghe con numerosi semi bianchi. L'Iris è volgarmente conosciuto con il nome di Giaggiolo. Le specie e varietà rizomatose, hanno fiori dalle corolle variegate di bianco, giallo chiaro, arancio, violetto, con a volte le 3 divisioni interne rialzate della corolla, di colore diverso dalle 3 divisioni ricurve verso il basso.

Caratteristiche

i dati principali

DATI GENERICI

pieno sole

fiorita: primavera

bulbosa

Temperato

media

Asia

esposizione


E' meglio esporre in luogo soleggiato, se in vaso scegliere zone molto luminose. Nelle regioni dal clima più caldo, evitare il sole diretto.

fioritura


Inizia a fiorire verso fine aprile-maggio

medicina


Alcune specie di Iris rizomatose vantano proprietà diuretiche, emiollienti, emmenagoghe, bechiche ed espettoranti. I rizomi di questa specie sono impiegati in profumeria e cosmetica.

letteratura


Il nome del genere deriva dalla parola greca Iris che significa arcobaleno. Narra una leggenda che Luigi VII, scorgendo in un campo degli Iris fioriti, mentre tornava da una battaglia vittoriosa, decise di farne l'emblema del suo regno. Iris si chiamava anche la messaggera degli dei, figlia di Taumante ed Elettra. Il suo ruolo era accompagnare le anime delle donne defunte nel regno dei morti. Corrado Govoni celebrò questo fiore in una poesia come orchidea dei poveri. "I celesti giuggioli sono i fiori più belli della terra, vere orchidee dei poveri".

storia


Fu chiamato Fleur de louis per essere poi confuso con Fleur de Lis, il fiore del Giglio: nel medioevo si iniziò a considerare come fiore simbolo della monarchia francese, non l'Iris, ma il Gilio. Lo stesso errore si è commesso con l'emblema di Firenze, dove tuttavia ogni anno, viene aperto al pubblico il giardino dell'Iris. Il suo nome botanico Iris Fiorentina lo conferma il fiore simbolo della città Medicea.

segnalazioni


concimazione


Non viene richiesto nessun tipo di concime particolare, concimare una volta all'anno all'inizio del periodo vegetativo seguendo le indicazioni del produttore

irrigazione


Lasciare asciugare il terreno tra un'innaffiatura e l'altra ma non completamente, abbondante in estate se coltivato in vaso

potatura


Non sono richieste cure particolari, è sufficiente eliminare le parti danneggiate

malattie


Si possono formare alcuni tipi di funghi dovuti ad eccesso di umidità del terreno

particolarità


In esterni è adatta per bordure e aiuole. Coltivabile singolarmente e in gruppo. Disporre in luogo soleggiato, con terreno ben drenato e fertile Non richiede cure particolari

temperatura


Trattasi di pianta rustica, resiste bene alle alte e basse temperature.

rinvaso


Tutti gli anni per recuperare i bulbi, alla fine della stagione estiva

substrato


Si adatta a qualsiasi tipo di terreno

propagazione


Si propaga per divisione del rizoma in autunno o primavera.

clima


Temperato

origine


Asia
iris foetida
Iris foetida
Carpino
Carpinus betulus
ranuncolo
Ranunculus
lavanda stoechas
Lavandula stoechas
erica
Calluna
Sedum palmeri 'emarginatum'
Sedum palmeri 'emarginatum'
iris bulbose
Iris
Frangipani
Plumeria
fresia
Freesia
Trifoglio stellato
Trifolium stellatum