X

descrizione generale

E' l'unica specie del genere oggi esistente. Il fusto colonnare può raggiungere i 15 m di altezza e un diametro di 60-65 cm, a causa dell'enorme quantità d'acqua in esso contenuta (circa il 90 % del suo peso vicino all'apice) può arrivare a un peso totale di 700-800 kg. Presenta 12-24 costolature ottuse, areole brune distanziate di circa 2 cm, 12 o più spine radiali disposte a raggio lunghe fino a 7 cm. Le ramificazioni avvengono distanti dalla base, sono erette e possono a loro volta ramificare. La crescita è molto lenta al punto che, per raggiungere un'altezza di 8 cm impiega 2 anni, per arrivare a 1 m impiega circa 30 anni. La prima ramificazione richiede anche 75 anni. Il saguaro più alto oggi esistente (si presume che abbia almeno 200 anni) supera i 13 m di altezza e i 3 m di circonferenza.

esposizione

Da coltivare in pieno sole.

fioritura

I fiori appaiono all'apice dei fusti e dei rami delle piante adulte, di notte ad aprile o maggio, sono bianchi, lunghi circa 12-15 cm e larghi altrettanto, con un tubo verde e scaglioso e i petali corti e distesi; vengono impollinati da pipistrelli, insetti e uccelli. Alla fioritura seguono i frutti, rossi anche nella polpa e commestibili (maturano a fine giugno), che hanno la proprietà della deiscenza, ossia sono capaci di aprirsi spontaneamente e di spargere i semi tutt'intorno.

irrigazione

Annaffiare moderatamente nel periodo vegetativo, mantenere a secco da metà autunno alla primavera.

particolarità

temperatura

La temperatura minima invernale non deve scendere mai al di sotto dei 7 °C.

substrato

Il substrato deve essere leggermente calcareo e ben drenato.

propagazione

La propagazione si ha per seme in primavera, con temperatura di 20-22 °C, oppure per talea a inizio estate.

NOMENCLATURA

Carnegiea gigantea (Engelm.) Britt. Et Rose
Cactaceae
Carnegiea gigantea

DATI GENERICI

pieno sole

fiorita: estate

cactacea

Mite.

Perenne, 200/300 anni.

grande

Originaria dell'Arizona, California sudorientale e stato di Sonora nel Messico. La località specifica della specie è il deserto del Gila (in Arizona) dove quasi 1000 ettari sono occupati dalla foresta di Carnegiea che cresce sui rilievi rocciosi ed è considerata tra i monumenti nazionali degli Stati Uniti con il nome di Papago Saguaro. Il fiore della Carnegiea è l'emblema dello stato dell'Arizona.

CURIOSITA'

STORIA

Questa specie, che nel 1848 Engelman aveva definito Cereus giganteus, è stata rinominata da Britton et Rose nel 1908, Carnegiea gigantea in onore di Andrew Carnegie, industriale filantropo, al quale si deve la fondazione di un centro per le ricerche sul deserto a Tucson (Arizona). I nomi locali di questa pianta sono: "sahuaro" o "saguaro" e a volte anche "pitahaya". Nel suo habitat naturale il saguaro, subito dopo le rare piogge raccoglie tutta l'acqua possibile con le radici poco profonde; il fusto si gonfia in modo rilevante ed arriva a contenere anche 4-5 tonnellate d'acqua per riuscire a sopravvivere fino alla pioggia seguente.

Tra le piante di:

ciao

Foto Dagli Album