Scrophulariaceae

linaria

Linaria

linaria

Linaria

Pianta fiorita, erbacea, a seconda della coltivazione può essere annuale o perenne. Possiede un rizoma sotterraneo da cui si dipartono numerosi stoloni e fusti ramosi e pelosi; l'altezza varia dai 5 cm ad 1,20, secondo la specie. Le foglie sono sparse sul fusto e solitamente hanno una forma lanceolato-lineare, i fiori sono solitari o in grappoli, e si caratterizzano per la presenza di un lungo sperone, in pratica il labbro superiore è composto da due segmenti, quello inferiore ha un forte rigonfiamento che chiude la fauce della corolla ed ha uno sperone lungo circa i cm. La colorazione varia dal giallo, al purpureo, all'azzurro e all'arancione. Il frutto è una capsula lunga che sia apre nella parte alta. E' un genere di facile coltivazione e reperibilità. La specie Linaria alpina raggiunge i 20 cm. ed è tipica dei luoghi alpini sassosi. I suoi fiori sono color porpora con la gola arancione e formano sul terreno dei veri e propri magnifici cuscini.

Caratteristiche

i dati principali

DATI GENERICI

pieno sole

fiorita: primavera

erbacea

Temperato

Annuale o perenne a seconda della specie

media

Europa, Nord Africa

esposizione


Sarebbe meglio esporre in presenza di luce diretta del sole se coltivata in esterni, in vaso garantire sempre una buona luminosità ambientale.

fioritura


Inizia a fiorire a inizio aprile fino a settembre a seconda della specie e del clima.

medicina


Come droga possono essere usate le parti superiori del fusto che contengono flavonoidi. Era usata nella medicina popolare come lassativo, per stimolare la secrezione urinaria o sottoforma di pomata per le emorroidi.

concimazione


Utilizzare concime ternario seguendo le indicazioni del produttore, oppure, un fertilizzante per piante fiorite. Lo stallatico maturo è sempre un ottimo fertilizzante.

segnalazioni


irrigazione


Mantenere in estate il terreno umido senza eccessi o ristagni d'acqua. Ridurre drasticamente in inverno.

potatura


E' sufficiente eliminare le parti sfiorite o danneggiate

malattie


Può essere soggetto a vari tipi di funghi o marciumi dovuti ad eccesso di umidità del terreno. Raramente può subire attacchi da nematodi, che ne causano la crescita stentata

particolarità


Utilizzata per le coltivazioni più diverse, in esterni per giardino, aiuola o per copertura, coltivabile anche in vaso. In caso di coltivazione in vaso posizionare se possibile in luogo riparato dal vento Non necessita di cure particolari

temperatura


Se coltivate in esterni vivono bene con qualsiasi temperatura, se coltivate in vaso si consiglia di non scendere sotto i 15°C. Le specie perenni sono più resistenti al freddo.

rinvaso


Quando necessario, indicativamente ogni 2-3 anni, in primavera

substrato


Normale. Utilizzare per la coltivazione in vaso un mix con prevalenza di torba, con terra e sabbia per drenaggio, oppure, un terriccio per piante fiorite generico.

propagazione


Verso febbraio tramite semina in cassetta.

clima


Temperato

durata


Annuale o perenne a seconda della specie

origine


Europa, Nord Africa
Dasylirion acrotriche
Dasylirion acrotrichum