ninfea.jpgpat_austin.jpgchamaerops_excelsa_.jpg304_10910.jpg2619_10555.jpgdipladenia_sanderi_(4).jpgimg_2121.jpgtasso.jpg1926_10555.jpggymnocalycium_pflanzii.jpg2731_11065.jpg2282_10555.jpg1939_10890.jpgdscn1614.jpg47_11223.jpg487_11223.jpgbernadette_la_font_nirp.jpg2586_10555.jpg2320_10555.jpgp4110141.jpgfior_003.jpgle_mie_piante_062.jpg163_11223.jpg2446_10555.jpg

LeMiePiante.it

La cura delle piante e dei fiori

enciclopedia delle piante
LeMiePiante.itRating: [0 su 5.0]

DESCRIZIONE GENERALE

Pianta erbacea, a seconda del tipo di coltivazione e di specie può essere annuale o perenne, è coltivata abitualmente come annuale. L'altezza massima che raggiunge sono 50 cm. L'aspetto è glabro, presenta steli sottili ma resistenti, le foglie sono alterne, lineari, lanceolate, con tre nervature. I fiori presentano cinque petali di colore celeste e sepali con ciglia ghiandolose al margine, lo stimma è ingrossato all'apice. Il Linum usitatissimum nella sottospecie vulgare è usato per la fibra tessile; la sottospecie Umile è invece usata per i semi. Altre specie ancora sono molto apprezzate come piante ornamentali per il giardino. Il L.alpinum ha fiori azzurri ed è alta 20 cm, il L.campanulatum ha fiori gialli che sbocciano in estate.

DESCRIZIONE ESPOSIZIONE

Sarebbe meglio esporre in presenza di luce diretta del sole se coltivata in esterni, in vaso, anche leggera ombra, verificare che il terreno non asciughi troppo.

DESCRIZIONE FIORITURA

A seconda della specie inizia a fiorire verso marzo fino a settembre. I suoi fiori hanno una particolarità , i petali si piegano nel primo pomeriggio.

CURA


E' possibile utilizzare un fertilizzante per piante fiorite seguendo le indicazioni del produttore, oppure, dello stallatico ben maturo.A seconda della coltivazione. In linea di massima si può mantenere il terreno leggermente umido, senza lasciarlo asciugare completamente. Le specie annuali hanno una sopportazione maggiore della siccità.Eliminare le parti a fioritura avvenutaPuò essere soggetto a funghi di vario tipo. I nematodi possono colpirlo raramente e provocare dei nodulisulle radici.Può essere coltivata in esterni, in giardino, aiuola o bordura. In vaso per terrazzi e balconi come annuale. Alcune specie di Linum vengono utilizzate in tessitura Le piante perenni devono essere annaffiate regolarmenteSe coltivata in esterni vivono bene con qualsiasi temperatura, se coltivate in vaso si consiglia di non scendere sotto i 14°-16°CQuando necessario in primavera, scegliendo sempre un vaso solo leggermente più ampio del precedente.

NOMENCLATURA

Linum
Linaceae
linum

DATI GENERICI

pieno sole
fiorita: primavera-estate
erbacea
Temperato-freddo
Annuale o perenne a seconda della specie
media
Europa, Asia, Africa

CURIOSITA'

ARTE

I pittori Medioevali sostitiurono l'uovo che usavano nella composizione delle temperre con del l'olio di lino cotto. Questo rendeva più brillannti tutti i colori ed anche più semplici da usare. Il fiore di lino, nel linguaggiodei fiori dice: "sento i tuoi benefici".

STORIA

Questa preziosa pianta è coltivata da circa 7000 anni in tutte le parti del mondo. Durante l'età della pietra era utilizzato per produrre fibre tessili e semi, mentre nell'antico Egitto bende di lino servivano per avvolgere le mummie. I Greci invece impiegavano questa stoffa per realizzare le vele per le proprie imbaraczioni.

MEDICINA

La specie L.usitatissimum è coltivata anche per la produzione dei suoi semi, dell'olio e delle fibre. tessili. La droga usata sono i semi maturi essicati e la pianta stessa in fiore. Le sue proprietà sono dovute ai suoi particolari costituenti: mucillaggini, pectina, acidi grassi insaturi, proteine. I semi sono utilizzati come leggero lassativo, grazie alla loro capoacità di rigonfiarsi e per il trattamento di processi infiammatori che coinvolgono l'apparato digestivo e per i catarri delle vie respiratorie. Con la farina di lino, nella medicina popolare, si preparavano dei cataplasmi da mettere sul petto.

LETTERATURA

Da sempre simboleggia la luce . I fili del lino sono considerati simbolicamente dei raggi di sole, questo fatto si lega alla leggenda indiana dell'Aurora che prepara un vestito al sole con del lino. Considerato da sempre simbolo solare e quindi divino, il lino è adottato dai sacerdoti in India, in Egitto, in Asia Minore ma anche nella cristianità. Nella mitologia Greca, l'inventrice del filo di Lino era stata Aracne, che tesseva magnifici arazzi proprio con il lino. La leggenda narra che Aracne sfidò in una gara di tessitura la Dea Pallade. Quando Aracne fece imbestialire la Dea perchè la sua opera era magnifica e rappresentava gli Dei ed i loro vizi. pallade incollerita fece a brandelli la tela di Aracnade e la colpì, ella cercò di uccidersi ma la Dea la condannò trasformandola in un ragno. Plinio era un grande ammiratore del Lino e ne parlò nei suoi scritti delle proprietà sorprendenti e molteplici.

VIAGGIO

Le mummie egiziane sono ricoperte da bende di lino. Ancora oggi, In Francia, la cotta dei preti è in lino.