Araceae

Alocasia macrorrhiza

Alocasia macrorrhiza

Alocasia macrorrhiza

Alocasia macrorrhiza

Questo genere annovera circa una settantina di specie, sono coltivate per le loro grandi foglie oblungo ovate, generalmente peltate e venate, con screziature di color bronzo o violaceo. Le grandi foglie le hanno valso il nome volgare di "orecchie di elefante" (come alla sua cugina Colocasia antiquorum, della stessa famiglia). E' una pianta che può arrivare a 4-5 m di altezza, con le foglie poste su lunghi piccioli fogliari alti anche 2 m.

Caratteristiche

i dati principali

DATI GENERICI

pieno sole

fiorita: tutto l'anno

erbacea

Mite, temperato.

Perenne, sempreverde.

grande

Originaria delle foreste dell'Asia sud-orientale.

esposizione


Posizionare i vasi in sito molto luminoso, riparato dai raggi diretti del sole.

fioritura


La fioritura avviene durante tutto l'anno, anche se raramente riesce a fiorire in piena terra e, mai, in vaso. I fiori sono simili alle infiorescenze delle calle, con lungo spadice ricoperto da una spata verde, sbocciano in estate, e in autunno danno origine ad un solo frutto tondeggiante, contenente un solo seme, non sempre fertile.

concimazione


In primavera somministrare, ogni cinque settimane, un fertilizzante liquido bilanciato.

irrigazione


In primavera, alla ripresa della stagione vegetativa, annaffiare liberamente e così anche d'estate; durante i rimanenti periodi diminuire l'irrigazione e lasciare che la pianta vada in riposo vegetativo.

potatura


Eliminare periodicamente le foglie ingiallite per facilitare il ricambio con quelle nuove.

malattie


Non bagnare troppo i tuberi, durante il periodo freddo, perché sono soggetti a marciume radicale. Può essere attaccata dalla cocciniglia farinosa sulla pagina inferiore delle foglie, in questo caso bisogna intervenire con il solito bastoncino di "cotonfioc", imbevuto di alcool denaturato, asportando tutto il bianco che è sulle foglie.

temperatura


La temperatura ideale è di 20-24 °C con un'alta percentuale di umidità; la minima invernale non deve essere al di sotto di 15 °C.

rinvaso


Non necessario se il contenitore in cui è coltivata la pianta riesce a contenerla bene.

substrato


La composta più favorevole è quella ottenuta mescolando in parti uguali della corteccia sminuzzata, terriccio fertile e sabbia e creando un ottimo drenaggio.

propagazione


Per divisione dei rizomi, curando che ogni porzione sia provvista di almeno una gemma, lasciare che le ferite siano cicatrizzate (presenza di un leggero callo) e ripiantarle in un buon terriccio mescolato a sabbia. Non esagerare con le annaffiature fino a che foglie non siano bene sviluppate.

segnalazioni


clima


Mite, temperato.

durata


Perenne, sempreverde.

origine


Originaria delle foreste dell'Asia sud-orientale.
alocasia
Alocasia
kentia
Howea forsteriana
stephanotis
Stephanotis
ficus robusta
Ficus robusta
Spatiphyllum
Spathiphyllum
Sandersonia aurantiaca
Sandersonia aurantiaca
castanospermum
castanospermum
ficus ginseng
ficus ginseng
Kalanchoe beharensis
Kalanchoe beharensis
Philodendron domesticum
Philodendron hastatum