Tropoeolaceae

nasturzio

Tropoeolum

nasturzio

Tropoeolum

Pianta fiorita, erbacea, sia da interno che da esterno secondo la specie e l'area di coltivazione. Presenta fusti prostrati o rampicanti, le foglie hanno una lamina subrotonda e sono leggermente carnose. Le specie perenni sono rizomatose, tutte producono infiorescenze imbutiformi di colore rosso, giallo o arancione, anche variegati.

Caratteristiche

i dati principali

DATI GENERICI

pieno sole

fiorita: estate-autunno

erbacea

Temperato

Perenne o annuale secondo la specie ed il tipo di coltivazione.

media

sud america, Messico, Perù.

esposizione


A seconda della specie e se coltivata in vaso o all'aperto, pieno sole o leggera ombra. Le specie perenni prediligono un'ombreggiatura leggera.

fioritura


A seconda della specie fiorisce da giugno a ottobre circa

arte


grazie ai fiori a forma di elmo, in Nasturzio ha assunto il significato della lotta.

medicina


tutta la pianta contiene un glucoside da cui è possibile produrre l'olio irritante benzilico che ha un'azione antibiotica a largo spettro d'azione. Può essere utilizzata questa droga nella medicina naturale in caso di infezioni alle vie urinarie o respiratorie.

letteratura


denominato volgarmente Crescione, ma anche, secondo la specie ed il dialetto regionale: Lavarono, schiavun, grisso, erba de scorbuto, nasturzio acquatico, allegretto.

segnalazioni


storia


Inizialmente in Europa venne coltivato come ortaggio per scopi culinari.

concimazione


Si deve utilizzare un fertilizzante a lenta cessione, povero di azoto.

irrigazione


Necessita di essre annaffiato regolarmente; intervenire con regolarità aumentando gli interventi con l'innalzamento della temparatura. L'acuqa va sempre somministrata a temperaturta ambiente, possibilmente il mattino molto presto o alla sera.

potatura


Non necessita di particolari cure, è buona norma eliminare le parti appassite o danneggiate.

malattie


Possono essere attaccate da afidi e acari che si combattono con prodotti specifici.

particolarità


Posizionarla in zona non soggetta a sbalzi di temperatura o a correnti d'aria Non necessita di particolari cure

temperatura


Necissita di un clima mite, anche per le specie perenni, se il clima invernale è troppo rigido, la sopravvivenza non è garantita. In generale prediligono temperature miti.

rinvaso


Il rinvaso si effettua a fine inverno-inizio primavera utilizzato contenitori solo leggermente più ampi del precedente e sempre lo stesso terriccio di coltivazione.

substrato


Composto da torba con aggiunta di sabbia per renderlo ben drenante. Il terreno non deve essere eccessivamente umido, ma sciolto e fresco.

propagazione


Per semina all'inizio del periodo primaverile. Per le specie rizomatose è possibile dividere gli organi sotterranei ripiantando subito le parti ottenute.

clima


Temperato

durata


Perenne o annuale secondo la specie ed il tipo di coltivazione.

origine


sud america, Messico, Perù.
Bieta o Bietola
Beta vulgaris var. cycla
limone
Citrus acida
tagete
Tagetes
verbena
Verbena officinalis
viola
Viola tricolor
margherita
Chrysanthemum leucanthemum
rosmarino
Rosmarinus officinalis
rosa
Rosa
menta
Menta piperita
salvia
Salvia officinalis