Cyperaceae

Papiro egiziano

Cyperus papyrus L. (Sinonimi: Chlorocyperus papyrus, Cyperus domesticus, Cyperus papyraceus, Cyperus syriacus e Papyrus antiquorum)

Papiro egiziano

Cyperus papyrus L. (Sinonimi: Chlorocyperus papyrus, Cyperus domesticus, Cyperus papyraceus, Cyperus syriacus e Papyrus antiquorum)

Il papiro egiziano (Cyperus papyrus L.) è una pianta palustre, erbacea, rizomatosa, perenne, sempreverde, con fusti nudi, a sezione triangolare, privi di foglie, di colore verde scuro, del diametro di circa 3 cm e alti fino a 5 m; all'apice del fusto presenta brattee arcuate, filiformi, disposte ad ombrello.

Caratteristiche

i dati principali

DATI GENERICI

pieno sole

fiorita: estate

eretta

Mite, mediterraneo.

Perenne.

media

Originaria dell'Africa tropicale, cresce spontanea in Siria, in Palestina, e, in Sicilia nel territorio di Siracusa, lungo il corso dei fiumi Anapo e Ciane e, alle sorgenti del Fiumefreddo, nel catanese.

esposizione


L'esposizione più idonea è in zone con presenza abbondante di acque basse, associata ad aria calda che favorisce la crescita del vegetale.

fioritura


Da luglio a settembre presenta una fioritura ombrelliforme, costituita da lunghi raggi (da 15 a 20 cm) che si originano all'apice del fusto e portano delle spighe, di colore giallo-chiaro, che contengono acheni oblunghi.

storia


Il nome più antico che ricordi questa pianta è Byblos (città fenicia), dove era coltivata e commercializzata per diversi usi: da essa deriva anche il significato di "libro" (Bibbia e biblioteca). Il midollo del Papiro era usato come alimento e per ricavarne fibre tessili, i fiori per farne ghirlande, il rizoma come combustibile e le parti più robuste (radici e fusto) per pentole, utensili, calzature e sartiame. Di uso rilevante è stata nell'antichità la "carta" di papiro, lo speciale supporto per la scrittura che si otteneva incollando opportunamente svariati strati di strisce di midollo, opportunamente essiccate e pressate, e sulla quale è stata scritta la storia delle prime civiltà mediterranee. I rizomi venivano utilizzati anche per preparare medicinali. Sfruttando poi la naturale capacità di galleggiamento del Papiro, gli egizi costruivano con esso, le loro barche, legando insieme i fusti di questa pianta.

concimazione


Per tutta la durata della primavera, somministrare del concime complesso, apposito per piante acquatiche.

segnalazioni


irrigazione


Annaffiare continuamente tenendo la pianta sempre in acqua.

potatura


Limitata all'asportazione di parti danneggiate o ingiallite.

temperatura


La temperatura minima consentita è 10-12 °C.

substrato


Il substrato consigliato è composto da terriccio di foglie e torba, arricchito con concime organico posto, in condizioni ideali in acqua stagnante, o su un suolo permanentemente bagnato.

propagazione


Può essere riprodotta per talea, dal rizoma o dal fusto.

clima


Mite, mediterraneo.

durata


Perenne.

origine


Originaria dell'Africa tropicale, cresce spontanea in Siria, in Palestina, e, in Sicilia nel territorio di Siracusa, lungo il corso dei fiumi Anapo e Ciane e, alle sorgenti del Fiumefreddo, nel catanese.
papiro da vaso
Cyperus alternifolius
papiro
Cyperus
ficus retusa
Ficus retusa
Acacia caven (sin: Acacia karroo, Acacia orrida).
Sofora Acacia caven
papiro da vasca
Cyperus papyrus
Lacrime di Giobbe
Coix lacryma-jobi
dracena compacta
Dracaena

Warning: getimagesize(dbimg/dracaena-2816-forum_1396443127.jpg): failed to open stream: No such file or directory in /var/www/leserre2018/functions2018.html on line 84
Dracaena
Dracaena fragrans
adiantum
Adiantum
Papaya
Carica papaya