X
LeMiePiante.itRating: [0 su 5.0]

descrizione generale

Arbusto sempreverde che presenta foglie intere, lanceolate, verticillate, ternate od opposte; i suoi fiori sono gamopetali (composti,cioè, di una corolla con petali saldati fra di loro), disposti in cime all'apice dei rami, odorosi, di colore rosa, bianco, rosso, giallo, arancio e possono essere semplici o doppi; il frutto vistoso, di colore bruno-rossastro è una capsula allungata, dai 10 ai 15 centimetri, contenente diversi semi muniti di pappo (pelo rossastro)

esposizione

Può essere esposto sia in pieno sole sia in leggera ombra. In interni esporre in una zona luminosa, ma non al sole diretto

fioritura

Dall'inizio della primavera fino ad autunno inoltrato

concimazione

Non viene richiesto alcun concime particolare

irrigazione

In presenza di caldo eccessivo si consiglia di mantenere il terreno umido, ma non eccessivamente, al fine di ottenere abbonanti fioriture. Durante il periodo invernale, invece, le annaffiature dovranno essere ridotte di molto, soprattutto nelle regioni settentrionali

potatura

Cimare abbondantemente a fine periodo vegetativo per ottenere l'infoltimento della chioma

malattie

Può essere soggetto ad attacchi da parte di cocciniglia che attacca prevalentemente la pagina inferiore della foglia e che riesce a riprodursi praticamente durante tutto il corso dell'anno

particolarità

In caso di coltivazione in vaso durante la bella stagione spostare la pianta in esterni. Le piante giovani crescono meglio se si cambia annualmente la terra del vaso e devono essere cimate per assumere la caratteristica forma a cespuglio. Infine gli oleandri coltivati in vaso, richiedono contenitori più alti che larghi, perchè il loro apparato radicale si sviluppa in profondità

temperatura

Risulta essere sensibile al freddo. Predilige climi miti, richiede una temperatura minima di 5 gradi. Nelle zone a clima temperato, e in particolare nel Sud Italia, può essere coltivato all'aperto, senza alcuna protezione. Di contro nelle regioni settentrionali è bene ripararlo durante l'inverno

rinvaso

Ad inizio primavera. Se la pianta viene coltivata in vaso è buona norma rinvasarla ogni due anni, concimandola con del concime granulare

substrato

Specie che si adatta a qualsiasi tipo di terreno

propagazione

Tramite semina a metà primavera in cassetta. Per moltiplicare l'oleandro un metodo molto semplice è quello di mettere un giovane ramo in una bottiglia di acqua da tenere al sole finchè non emette le radici; una volta che le radici si sono ben sviluppate, il ramo si interra in un vaso con terriccio fertile. Un ulteriore metodo di propagazione è quello della talea durante il periodo estivo

NOMENCLATURA

Nerium oleander
Apocynaceae
oleandro

DATI GENERICI

pieno sole

fiorita: primavera-estate

arbustiva

Temperato

Perenne

media

Area mediterranea, in particolare Europa ed Asia

CURIOSITA'

ARTE

Un fascio di oleandri in fiore equivale ad una notevole scorta di ottimismo e buonumore e predispone al desiderio di compagnia

STORIA

Sia i rami sia i frutti, ma in maggior quantità le foglie, contengono alcaloidi e glucosidi tossici. L'ingestione di piccole dosi è senza pericolo. Per dosi elevate rischio di aritmie cardiache. I primi sintomi dopo l'ingestione e l'assorbimento sono il vomito ripetuto, le allucinazioni e soprattutto le aritmie cardiache. In persone sensibili si possono determinare delle dermatiti da contatto solo toccando foglie e fiori. La storia racconta che diversi soldati delle truppe napoleoniche morirono per aver imprudentemente mangiato carne, che era stata posta ad arrostire su spiedi ottenuti con legno di oleandro

MEDICINA

L'oleandrina e il nerioside, sono due glucosidi cardiaci presenti nella pianta, che agendo sulla miocellula cardiaca e sulle vie di conduzione digitale, causano un incremento dei battiti cardiaci

Tra le piante di:

ciaociaociaociaociaociaociaociaociaociaociaociaociaociaociao

Foto Dagli Album