Dryopteridaceae.

Polystichum polyblepharum

Polystichum polyblepharum

Polystichum polyblepharum

Polystichum polyblepharum

Appartiene a un vasto genere di felci, in passato era ascritta al genere "aspidio". E' caratterizzata da fronde bipennatosette, lucide e coriacee. Nel suo habitat naturale cresce spontanea ed è molto ornamentale.

Caratteristiche

i dati principali

DATI GENERICI

Penombra

erbacea

Mediterraneo.

Perenne.

media

Europa, Asia, Africa e America.

esposizione


Da posizionare a mezz'ombra o in piena ombra. Nella coltura in appartamento può essere collocata in zona luminosa o anche in semi oscurità.

fioritura


Non presenta fioritura.

storia


Il nome deriva dal greco polys = molto e stichos = fila, linea - riferito alla posizione dei "sori" (sacco di dimensioni minuscole dei vegetali contenente cellule, in grado di moltiplicare l'individuo, dette spore di propagazione).

concimazione


Almeno una volta al mese miscelare, all'acqua di irrigazione, un concime specifico.

irrigazione


Necessita di umidità costante, evitando l'eccesso di acqua.

segnalazioni


potatura


Limitata all'asportazione di parti danneggiate o rinsecchite.

malattie


Essendo soggetta all'attacco di funghi può essere utile un trattamento preventivo contro gli attacchi fungini, da praticarsi in primavera, utilizzando poltiglia bordolese, prima che le gemme siano ingrossate.

particolarità


Nella coltura in appartamento sono da evitare le correnti d'aria e i bruschi sbalzi di temperatura.

temperatura


La temperatura ideale va dai 10 °C ai 15 °C. Per brevi periodi resiste anche a qualche gelata.

rinvaso


Se si ritiene necessario, ogni due anni circa, nel periodo primaverile.

substrato


Utilizzare una miscela di terra, torba, terriccio di foglie e sabbia di fiume.

propagazione


La moltiplicazione si effettua per divisione dei cespi o, se è possibile, utilizzare le spore facendole germinare su un composto sterilizzato e umido, sotto vetro.

clima


Mediterraneo.

durata


Perenne.

origine


Europa, Asia, Africa e America.
Polygonum platycladum
Homalocladium platycladum L. H. Bailey