Ericaceae

rododendro

Rhododendron

rododendro

Rhododendron

Arbusto sempreverde e fiorito da esterno. Presenta robusti rami con foglie coriacee, a margine intero, revoluto, di grandi dimensioni e dal colore verde molto scuro. I fiori sono riuniti in corimbi all'estremità dei rami e presentano una corolla imbutiforme divisa fino alla metà in 5 lobi. L'altezza massima può arrivare anche a 6 m.

Caratteristiche

i dati principali

DATI GENERICI

Penombra

fiorita: estate-autunno

arbustiva

Temperato

perenne

media

Asia, Europa, America.

esposizione


Può sopportare anche il sole ma talvolta presenta dei problemi come delle bruciature fogliari ed eccessivo riscaldamento delle radici, per cui e' meglio collocarlo in zona luminosa ma ombreggiata. Il luogo ideale è sotto un grande albero dove il Rododendro possa ricevere una luce diffusa.

fioritura


Il Rododendro per fiorire richiede un certo fabbisogno di freddo ed una riduzione del numero di ore di luce a 12 ore, che in natura viene soddisfatto in autunno-inverno, senza il quale non ha induzione a fiore. Inoltre fiorisce sempre sui rami nuovi

medicina


le foglie essicate sono usate come droga perchè contengono tannini ed oli essenziali, è usata raramente in medicina popolare come diuretico o sudorifero, e per malattie eerticolari e muscolari.

letteratura


Una leggenda narra di un principe e della Regina madre che vivevano in un castello di ghiaccio. Il giovanotto, durante la caccia, vide tra i fiori una fanciulla che si definì la principessa dei fiori, e se ne innamorò perdutamente. La madre del giovane volle aiutarlo e chiese alla principessa di sposare suo figlio. La fanciulla dichiarò che avrebbe vissuto nel loro castello di ghiaccio soltanto se fosse stato forito tutto l'anno. La madre camminò moltissimo per la disperazione e ad un certo punto iniziò a sanguinare dai piedi ed a piangere. Dal sangue fiorirono rododendri rossi, dalle lacrime quelli bianchi. A questo punto il castello ebbe i suoi fiori ed il principe la mano della principessa dei fiori.

storia


Rododendro in Greco significa letteralmente albero della rosa. In tedesco è chiamato Alpenrose ossia, rosa delle alpi, infatti, cresce fino ai 2000 metri di altitudine.

concimazione


Utilizzare concime completo seguendo le indicazioni del produttore

irrigazione


Per gli esemplari giovani mantenere il terreno leggermente umido, in particolare in presenza di piante giovani o durante la stagione più calda. Per gli esemplari più anziani intervenire in presenza di prolungata siccità.

potatura


E' necessaria una potatura di formazione per far mantenere alla pianta una forma regolare, ed e' opportuno asportare sempre i fiori appassiti. Le cimature vanno effettuate con cautela, evitando interventi troppo severi.

segnalazioni


malattie


Possono essere soggette a cocciniglie e afidi che si eliminano con prodotti specifici. La muffa grigia è dovuta ad eccessi di umidità e si elimina con antibotritici. Il fungo parassita exobasidium rhododendri.

particolarità


Evitare di posizionare la pianta in zone soggette a correnti d'aria. Evitare ristagni d'acqua Eliminare le parti danneggiate, per le piante giovani potare al fine di dare forma alla pianta

temperatura


Pianta resistente sia al caldo che al freddo essendo molto rustica. Sopporta bene anche temperature che scendono sotto gli zero gradi.

rinvaso


Deve essere effettuato ogni uno o due anni

substrato


Utilizzare un terriccio per piante acidofile, oppure, un terreno leggero composto di terra di castagno e/o aghi di pino con aggiunta di terriccio universale.

propagazione


A seconda della specie, tramite talea, in primavera. le piante giovani forniscono delle talee migliori

clima


Temperato

durata


perenne

origine


Asia, Europa, America.
ranuncolo
Ranunculus
penstemon
Penstemon
azalea comune
Rhododendrum
stephanotis
Stephanotis
Pittosporo
Pittosporum tobira
saxifraga
Saxifraga
azalea japonica
Rhododendron
magnolia
Magnolia
rose rampicanti
Rose rampicanti
rosa canina
rosa canina