Liliacee

sanseveria

Sansevieria trifasciata

sanseveria

Sansevieria trifasciata

Pianta da interno, sempreverde molto resistente, di facile reperibilità e coltivazione. Specie caratterizzate da rizomi sotterranei corti da cui nascono i gruppi di foglie. Le foglie sono carnose e spesse, ricche di fibre, spesso variegate e allungate; la fioritura è poco appariscente, con fiori di colore bianco o verde chiaro, portati a grappolo su di un unico stelo allungato. Dal secolo scorso sono coltivate sopratutto due specie,in particolare la S. Hahanii con foglie corte, riunite a rosetta, di colore verde scuro con variegature trasversali molto chiare. La varietà S.trifasciata laurentii è la più bella di tutte e la più adatta per spazi limitati, infatti, si sviluppa in altezza.

Caratteristiche

i dati principali

DATI GENERICI

luce intensa

------ verde ------

eretta

Tropicale

Perenne

media

Africa

esposizione


Preferisce una zona molto illuminata della casa, ed in questa zona presenta sempre foglie molto belle e colorate, ma ben si adatta anche a condizioni di illuminazione non ottimali. In questo caso pero' le sue foglie perdono di bellezza. Quando arriva la bella stagione, se possibile, è auspicabile esporla in ambienti esterni, abituandola gradualmente anche al sole diretto.

fioritura


Presenta raramente fioritura, se coltivata che inoltre, non è particolarmente ornamentale.

arte


Alcune specie con foglie lunghe vengono utilizzate per produrre fibre vegetali per fabbricare corde.

letteratura


Il nome botanico del genere trae origine da Raimondo di sangro, un nobile napoletano, principe di Sansevero nel Settecento.

storia


Questa apprezzabile pianta è nota anche con il nome volgare di "lingua di suocera". Nel corso degli anni è stata sempre più apprezzata per la sua incredibile resistenza anche in condizioni di coltura avverse.

segnalazioni


concimazione


Utilizzare un concime liquido, durante le stagioni più calde, seguendo le indicazioni del produttore.

irrigazione


Mantenere il terreno leggermente umido durante l'estate, non ha grandi necessità idriche. Quando la temperatura cala è necessario ridurre gli interventi gradualmente. Con il freddo è necessario sospendere le annaffiature.

potatura


E' sufficente pulire le foglie con un panno umido, non utilizzare lucidanti fogliari.Eliminare le parti secche

malattie


A volte si possono manifestare funghi e marciumi di vario tipo dovuti a cattiva manutenzione

particolarità


Posizionare in luogo non soggetto a bruschi sbalzi di temperatura o a correnti d'aria Non utilizzare spruzzatori in quanto queste piante prediligono un clima secco

temperatura


Si consiglia di non scendere mai sotto i 10°C.

rinvaso


Quando necessario, abbastanza raramente, le radici devono avere occupato tutto il vaso. Nel caso di esemplari con moltissime foglie, è possibile effettuare la divisione del ceppo.

substrato


Leggero/medio Normale con prevalenza di terra con torba e sabbia

propagazione


A seconda della specie, molto rara è la germinazione dei semi. Tramite talee foglieri, tagliando una foglia in porzioni di 10 cm, lasciandola asciugare per un giorno ed infilandola poi per metà in un substrato di sabbia e terreno fertile. La moltiplicazione può avvenire anche con i polloni della stagione precedente che si tagliano dalla pianta madre.

clima


Tropicale

durata


Perenne

origine


Africa
Spatiphyllum
Spathiphyllum
Sansevieria o Sanseveria
Sansevieria trifasciata
aloe
Aloe vera
ficus benjamina
Ficus benjamina
Anthurium
Anthurium andraeanum
pothos
Pothos aureus
lingua di suocera
Schlumbergera
dracena compacta
Dracaena
ficus robusta
Ficus robusta
edera
Hedera helix