Asclepiadaceae

stephanotis

Stephanotis

stephanotis

Stephanotis

Pianta rampicante, vigorosa, fiorita, coltivabile in esterni solo dove il clima lo consente. Le sue foglie, disposte in coppia, sono ovali ed oblunghe, di colore verde scuro lucido e di consistenza cuoiosa. Produce infiorescenze bianche , tubulose, gradevolmente profumate e dall'spetto ceroso

Caratteristiche

i dati principali

DATI GENERICI

luce media

fiorita: estate-autunno

rampicanti

Temperato caldo

Perenne

media

Africa

esposizione


Si consiglia una posizione con tanta luce ma non con sole diretto. Proteggerla dalle correnti d'aria.

fioritura


Fioritura da inizio giugno circa fino a settembre circa. Fiori profumatissimi, cerosi, composti da cinque lobi.

arte


I fiori di questa splendida pianta sono tradizionalmente presenti anche nei bouquet da sposa, molto graditi per il loro candore e l'eleganza.

medicina


Molte Asclepiadecee contengono un latice e vengono usate nella medicina popolare, specialmente in India

segnalazioni


storia


La pianta è conosciuta anche con il nome di Geklsomino del Madagascar. Il nome scientifico deriva dal greco "stephanos", corona e "otos", orecchio, a causa delle appendici che presenta la corona staminale o dell'uso di farne corone che veniva praticato nei costumi indigeni.

concimazione


Utilizzare concime liquido seguendo le indicazioni del produttore senza eccedere.

irrigazione


In estate mantenere il terreno umido ma non in maniera eccessiva, evitare assolutamente ristagni d'acqua. Patisce gli eccessi di calcare dell'acqua, infatti, sarebbe ideale utilizzare acqua piovana. Se questo non è possibili è necessario lasciare sempre decantarte l'acqua del rubinetto per qualche ora.

potatura


Eliminare eventuali parti danneggiate e tenere pulite le foglie utilizzando esclusivamente un panno leggermente umido. Non servirsi di lucidanti fogliari. In febbraio accordiare le ramificazioni principali, spuntare i rami laterali alla lunghezza di 8 cm., sopprimere quelli troppo esili e deboli.

malattie


Non si segnalano malattie o parassiti particolari. Può essere colpita dal Ragnetto rosso; si tratta di un acaro che si sviluppa facilmente in ambienti caldi e secchi. Si manifesta con la comparsa di ragnatele scure sulla pagina inferiore delle foglie. Se ne può prevenire la comparsa spruzzando le foglie e mantenendo alta l'umidità ambientale

particolarità


Pianta piuttosto delicata, patisce le correnti d'aria e gli sbalzi bruschi di temperatura. Se possibile evitare di bagnare la pianta con acqua di rubinetto

temperatura


Non scendere sotto i 12°, sopporta bene le alte temperature. Non sottoporla a sbalzi climatici.

rinvaso


A pianta adulta non frequentemente, in ogni caso in primavera

substrato


Leggero con prevalenza di torba Mix di terra e torba con fondo vaso con sabbia

propagazione


Tramite talea a fine primavera.

clima


Temperato caldo

durata


Perenne

origine


Africa
Monstera deliciosa
Monstera deliciosa
zenzero
zingiber officinale
ranuncolo
Ranunculus
rododendro
Rhododendron
penstemon
Penstemon
nerine
Nerine
weigelia
weigelia
Pittosporo
Pittosporum tobira
Melissa
Melissa officinalis
Solanum Jasminoide
Solanum Jasminoide