X

descrizione generale

Pianta a fogliame decorativo. Quello che comunemente è chiamato "fiore" è in realtà un'inflorescenza che si divide in due parti: una spata libera, più o meno concava, di color rosso-lacca derivata da una foglia trasformata che all'inizio avvolge lo spadice (inflorescenza) sottile, ben eretto, cilindrico con fiori ermafroditi e sessili. Le foglie sono grandi e cuoriformi

esposizione

L'anturio esige luminosità intensa, ma indiretta

fioritura

La fioritura dura da giugno a settembre, ma si può sfruttare la tendenza naturale della pianta a fiorire di più in inverno per avere vasi fioriti da dicembre a Pasqua

concimazione

Va effettuata una volta al mese, da aprile a settembre.

irrigazione

Le annaffiature devono essere abbondanti e regolari. Si consiglia di lasciare un po' d'acqua nel sottovaso, al fine di garantire l'umidità del terreno. In estate si dovrebbe intervenire circa 3 volte alla settimana per poi diminuire gradulamente con l'abbassamento della temperatura. Se il caldo è secco nebulizzare dell'acqua priva di coloro sul fogliame, quando la pianta è priva di fiori.

potatura

Si eliminano le foglie secche e le parti danneggiate

malattie

L'anthurium è particolarmente sensibile alle correnti d'aria, che causano ingiallimento delle foglie; talvolta viene colpito da infezioni fungine o attaccato da afidi

particolarità

Mantenere costante l'umidità ed annaffiare molto frequentemente

temperatura

Gli Anthurium necessitano di una temperatura di 23°C. Si possono coltivare o mantenere anche a temperature inferiori, ma crescono e fioriscono poco. Le esigenze non cambiano durante il periodo vegetativo

rinvaso

Circa ogni due anni, in febbraio, utilizzando un terriccio ricco di torba e dopo aver cosparso il fondo del vaso con ciottoli o argilla espansa per garantire un miglior drenaggio idrico. Durante l'operazione fare attenmzione a non coprire di terra gli steli.

substrato

Sono piante semi epifite e richiedono perciò un substrato molto grossolano, organico e con una reazione a Ph tra 5 e 6. Una buona formula è la seguente: una parte di torba, una parte di letame sfatto, una parte di polypodium tritato o sfagno, due parti di terriccio di bosco organico, due parti di foglia di faggio grossolana. Sulla parte superiore del vaso si tiene sempre uno strato di muschio, che aiuta a risolvere il problema dell'alto grado di umidità costante di cui hanno bisogno le radici superficiali

propagazione

La propagazione degli Anthurium si fa principalmente per seme. Talvolta, ma non sono metodi molto utilizzati, anche per margotta, talea di testa, separazione dei getti di base. Le piante destinate alla produzione del seme si pongono in una serra non molto umida, badando di non spruzzare i fiori per non disturbare la fecondazione e la maturazione dei semi. I semi raccolti, vanno liberati dall'involucro mucillaginoso e seminati, il più presto possibile, in terrine, impiegando un substrato formato da torba e muschio tritato in parti uguali. Le terrine, debitamente coperte, vanno collocate in ambiente con 25°C circa. La nascita avviene in 30-40 giorni. Quando le piantine hanno 3-4 foglioline si ripicchettano nel medesimo composto. Il substrato è molto povero, quindi le piantine vanno alimentate con concimazioni fogliari da farsi ogni 8 giorni. Dopo 60-70 giorni dalla prima, si fa la seconda ripicchettatura, impiegando però il substrato indicato per la coltivazione

NOMENCLATURA

Anthurium crystallinum
Araceae
anthurium crystallinum

DATI GENERICI

luce media

fiorita: primavera-estate

eretta

Tropicale con umidità relativa intorno al 70%

Perenne

media

E' originaria delle zone tropicali e sub-tropicali dell'america Centrale e Meridionale

CURIOSITA'

ARTE

I fiori degli anturi simboleggiano amore e amicizia e l'intera pianta è particolarmente decorativa per il disegno delle sue foglie.

STORIA

Gli Anthurium sono arrivati in Europa a partire dalla fine del XIX secolo. Il nome deriva dall'unione di due vocaboli del greco antico: "Anthos" = fiore, e "Urà" coda, con allusione allo spadice

LETTERATURA

I fiori, a forma di cuore, sono anche chiamati "le frecce di Cupido" e regalati per San Valentino