Acanthaceae

beloperone guttata

Beloperone guttata

beloperone guttata

Beloperone guttata

Piccolo arbusto sempreverde; le piante adulte raggiungono i 70-100 cm di altezza, ma possono crescere anche oltre i 120-150 cm, anche se generalmente vengono mantenute entro dimensioni più contenute. Si presenta come un arbusto tondeggiante, molto ramificato, con fusti sottili e legnosi; le foglie sono ovali, di colore verde brillante, lucide. Produce lunghe pannocchie pendule, ricoperte da infiorescenze costituite da piccoli fiori gialli attorniati da brattee giallo-arancioni, che fanno somigliare il fiore ad una coda di gambero

Caratteristiche

i dati principali

DATI GENERICI

luce intensa

fiorita: primavera-estate

arbustiva

Temperato

Perenne

media

Originario dell'America centrale e del Brasile

esposizione


Tenere i beloperone in luogo ombreggiato e riparato. durante l'inverno è opportuno, se si vie in zone dal clima più fresco, creare un riparo per la pianta.

fioritura


Dall'inizio della primavera fino ad autunno inoltrato

concimazione


Per una buona fioritura è bene fornire, da marzo a ottobre, del concime per piante da fiore, mescolato all'acqua delle annaffiature, ogni 10-15 giorni

irrigazione


Non amano gli eccessi d'acqua, ma temono anche la siccità; è, quindi, bene annaffiarle regolarmente per tutto l'arco dell'anno, evitando di lasciare il terreno inzuppato d'acqua

potatura


Eliminare le parti secche o danneggiate

malattie


Difficilmente vengono colpite da parassiti o malattie

segnalazioni


particolarità


Per mantenere una pianta con vegetazione compatta e per favorire un'abbondante fioritura è bene potare regolarmente la pianta all'inizio dell'inverno. Il beloperone non ama le correnti d'aria e l'umido stagnante. Fare in modo che la pianta non stia a contatto con l'acqua sistemando qualche sasso sul fondo del coprivaso

temperatura


Non sopporta temperature inferiori ai 5-6°C, quindi in inverno va ricoverata in casa, lontano da fonti dirette di calore, come caminetti, stufe o caloriferi. Nei luoghi con inverni particolarmente miti si può coltivare come pianta da giardino

rinvaso


La pianta cresce abbastanza vigorosamente, è quindi bene rinvasarla ogni 2-3 anni, preferibilmente all'inizio di marzo

substrato


Utilizzare un terreno sciolto, ben drenato, ricco di materia organica: si può preparare una buona composta utilizzando del terriccio universale mescolato a sabbia e a poca pietra pomice a granulometria abbastanza fine

propagazione


In primavera è possibile praticare numerose talee prelevando gli apici semilegnosi dei rami giovani; le talee vanno fatte radicare in un composto costituito da sabbia e torba in parti uguali, che va tenuto in luogo fresco e umido, lontano dai raggi diretti del sole. Non appena le talee avranno radicato si possono porre in contenitore singolo

clima


Temperato

durata


Perenne

origine


Originario dell'America centrale e del Brasile