X

descrizione generale

queste felci molto rustiche presentano fronde lucide, verde brillante. Le foglie sono intere e lanceolate, dai margini ondulati, formano una rosetta regolare che può crescere fino a circa un metro. Se le foglie basali si staccano può originarsi anche un breve fusto.

esposizione

Luce diffusa, ma non esporre mai al sole diretto, nel suo habitat naturale vivrebbe all'ombra.

concimazione

Utilizzare fertilizzante liquido seguendo le indicazioni del produttore

irrigazione

Il terreno deve restare sempre umido, ma mai intriso d'acqua; quando fa caldo bisogna, perciò, annaffiare 2 o 3 volte la settimana. In autunno è bene diradare le annaffiature. L'acqua deve essere spruzzata sulle foglie in modo da creare umidità ambientale. Una strategia per incrementare l'umidità senza mettere la pianta in pericolo di ristagno è quella di inserire nel sottovaso della ghiaia, che tenga separato il vaso dal ristagno ma consenta l'incremento dell'umidità.

potatura

Si eliminano le foglie ingiallite o danneggiate

malattie

Le cocciniglie attaccano la pagina inferiore delle foglie; combattere con prodotti specifici. La presenza di ristagni d'acqua può essere la causa di malattie fungine come ad esempio la muffa grigia. Se vi sono fronde macchiate di giallo ed insetti color bruno sotto le foglie vuol dire che siete in presenza di cocciniglie, se invece notate che le foglie si orlao di scuro e appassiscono, significa che è in ambiente troppo caldo e secco.

particolarità

Non esporre in zone di corrente d'aria o bruschi sbalzi di temperatura. Evitare di irrorare le foglie con acqua calcarea o contenente cloro. Non usare lucidanti, il colore delle foglie è molto bello, specie se la luce lo filtra.

temperatura

La temperatura deve essere costante tutto l'anno e compresa tra 18 e 24 gradi

rinvaso

La pianta si rinvasa ogni anno in primavera

substrato

Il terriccio deve essere acido, ben drenato, formato da due parti di torba fibrosa, 1 parte di terriccio fibroso e una parte di sabbia.

propagazione

Si usano le spore, ma, essendo l'operazione troppo delicata, si ricorre al trapianto delle piantine che si formano nelle fronde in composta formata da torba e sabbia umida, mettendo la piantina all'ombra, possibilmente sotto plastica a 15 gradi

NOMENCLATURA

Asplenium nidus
Aspleniaceae
asplenium

DATI GENERICI

luce media

------ verde ------

eretta

Tropicale

Perenne

media

Asia tropicale e isole del Pacifico

CURIOSITA'

STORIA

l'Asplenium nidus è volgarmente chiamato lingua di cervo. Il suo curioso nome parrebbe derivare anche dal fatto che la concavità centrale della pianta assomiglia a un nido di uccello, è una felce sempreverde diffusa dall'india al Giappone, all'australia.

MEDICINA

Contiene mucillaggini, tannino, un principio amaro, ed una essenza aromatica. E' usata in erboristeria per le sue proprietà emollienti ed espettoranti.

LETTERATURA

Asplenium deriva dal greco splen, milza, per la credenza che alcune felci avessero la virtù di guarirne le malattie di questo organo. Il nome specifico deriva da una sua caratteristica, infatti in natura è una specie epifita che cresce sugli alberi.

Tra le piante di:

ciao