X

descrizione generale

Il genere comprende 500 specie di arbusti rustici, sempreverdi, sufruticosi, con fioriture abbondanti rosso granata o bianche. Se il clima lo consente sono coltivabili anche in esterni. Di facile reperibilità e di media difficoltà di coltivazione. L'accrescimento di questo genere è alquanto lento, non di rado presenta foglie piccole e persistenti fiori di varia foggia, singoli o riuniti, e frutti a capsula o a bacca. L'E.Gracilis è un arbusto sempreverde con foglie molto folte di forma lanceolata, lunghe 1-3 mm., squamose ed embricate. Il fusto è eretto e slanciato, raggiunge i 50 cm. le infiorescenze sono terminali e formano una specie di grappolo, sono composte da piccoli fiori campanulati che variano dal rosso, al rosa, al bianco.

esposizione

Deve essere esposta alla mezz'ombra, o al sole nelle ore meno calde; durante l'inverno scegliere posizioni piuttosto riparte nelle zone dal clima molto freddo

fioritura

I fiori campanulati sono riuniti in spighe lunghe 20-30 cm

concimazione

Raramente utilizzare del fertilizzante l'iquido

irrigazione

Devono essere annaffiate moderatamente

potatura

In primavera si devono eliminare i bulbi fioriferi dell'anno precedente

malattie

Può avere problemi per eccesso o per mancanza d'acqua. Può subire l'attacco della cocciniglia che si evidenzia con la presenza di cuscinetti cerosi sulla pagina inferiore delle foglie; va trattata con batuffoli di cotone intriso nell'alcol o con prodotti specifici. Gli acari possono essere più propensi ad attaccare la pianta in presenza di siccità, per prevenirli è quindi necessario mantenere un'umidità corretta.

particolarità

temperatura

Si consiglia di non scendere sotto i 6-7° e di non superare i 18°. Se le temperature sono più alte possiamo aiutare la pianta aumentando il tasso di umidità.

substrato

Cresce bene in terreni torbosi e acidi

propagazione

Avviene solitamente per talea

NOMENCLATURA

Erica gracilis
Ericaceae
erica gracilis

DATI GENERICI

Penombra

fiorita: primavera

arbustiva

Temperato

Perenne

media

Africa

CURIOSITA'

ARTE

Si diche che la sua essenza profumata abbia il potere di addolcre il carattere; inoltre, attenua la passionalità ed incita a una maggior costanza. Il legno delle radici serve per fabbricare le pipe o altri oggetti in legno intagliati.

MEDICINA

Storicamente l'erica viene utilizzata come coadiuvante nel trattamento delle cistiti e delle infiammazioni urinarie. Un cataplasma caldo di sommità fiorite viene tradizionalmente impiegato come rimedio per geloni e reumatismi.

LETTERATURA

Per quanto riguarda racconti leggendari su questa pianta, si narra che le streghe sfruttavano i poteri dell'erica per entrare in contatto con le fate e gli spiriti della natura. L'erica è posta a guardia del solstizio d'estate, periodo nel quale raggiunge la fioritura più completa. Usanza derivante probabilmente dal mondo celtico, dove l'erica è collegata sia all'Aldilà sia all'amore : le api, simbolo di saggezza segreta che proviene dall'Altromondo, sono particolarmente ghiotte dei fiori di questa piantina e producono così un miele squisito, da sempre legato a riti e significati di immortalità e di rinascita.

Tra le piante di:

ciao