Orchidaceae

Bletilla

Bletilla

Bletilla

Bletilla

Questo genere comprende soltanto 5-6 specie di orchidee. Sono piante rizomatose, che tendono ad allargarsi formando densi ciuffi; le foglie sono lunghe e strette, segnate da venature longitudinali. Produce un fusto rossastro di 30-40 cm, che porta numerosi fiori di colore rosa, bianco o porpora, di dimensioni abbastanza contenute, tra i tre e i quattro cm. Con i primi freddi le foglie disseccano e la pianta comincia il periodo di riposo vegetativo, che dura fino alla primavera successiva

Caratteristiche

i dati principali

DATI GENERICI

luce media

fiorita: primavera

erbacea

Temperato

Annuale: hanno un ciclo vegetativo ben definito, formando nuovi getti in primavera, forniti di alcune foglie abbastanza larghe, che in estate forniscono energia per accrescere il largo rizoma sotterraneo. In autunno, una volta finito il loro compito queste seccano e cadono. Il rizoma, rimane quiescente durante l'inverno ed in primavera si ricomincia il ciclo

media

Originarie di Cina, Giappone e Taiwan

esposizione


Da marzo ad ottobre necessita di posizioni molto luminose, ma lontane dai raggi diretti del sole, soprattutto nel periodo estivo; in inverno le bletille vanno mantenute in luogo fresco e asciutto

fioritura


In primavera

storia


Il nome del genere è il diminutivo di Bletia, un genere di orchidee americano così chiamato in onore di Don Luis Blet, un farmacista e botanico spagnolo del XVIII secolo

concimazione


Aggiungere del concime per orchidee all'acqua delle annaffiature almeno ogni 10-15 giorni

irrigazione


Nel periodo vegetativo annaffiare regolarmente, evitando di lasciare asciugare completamente il terreno. Con il disseccarsi delle foglie sospendere le annaffiature, per permettere alla pianta di andare in riposo vegetativo

potatura


E' sufficiente eliminare i fiori appassiti

malattie


Le bletille temono molto i ragnetti rossi e le lumache, che sono golose delle foglie e dei rizomi

particolarità


Collocare la pianta in modo da evitare correnti d'aria o bruschi sbalzi di temperatura. Necessita di essere annaffiata abbondantemente nel periodo estivo, evitando, però, i ristagni idrici

temperatura


Queste orchidee non temono il freddo dell'inverno italiano, quindi si possono coltivare in giardino in piena terra; si consiglia comunque di avere l'accortezza di coprire la terra sopra i rizomi con paglia, foglie secche o aghi di pino, per limitare la possibilità che il terreno rimanga gelato a lungo; se si vogliono coltivare in vaso mantenere i contenitori al fresco per tutto l'inverno, per evitare che la pianta cominci a germogliare anzitempo

rinvaso


Quando necessario, indicativamente ogni 3 anni circa

segnalazioni


substrato


Se si ha la possibilità di coltivare una bletilla in giardino porla in un composto soffice, sciolto, ben drenato e molto ricco di materia organica; volendo si può preparare un substrato ideale mescolando torba, stallatico, terriccio universale e sabbia. Coltivando queste orchidee in vaso si consiglia di aggiungere al composto di cui sopra perlite e sabbia, per aumentare il drenaggio ed evitare pericolosi ristagni idrici

propagazione


Avviene a fine estate per divisione dei cespi; le nuove piante vanno subito poste a dimora con la composta consigliata

clima


Temperato

durata


Annuale: hanno un ciclo vegetativo ben definito, formando nuovi getti in primavera, forniti di alcune foglie abbastanza larghe, che in estate forniscono energia per accrescere il largo rizoma sotterraneo. In autunno, una volta finito il loro compito queste seccano e cadono. Il rizoma, rimane quiescente durante l'inverno ed in primavera si ricomincia il ciclo

origine


Originarie di Cina, Giappone e Taiwan
Mirabilis
Mirabilis
gaulteria
Gaultheria
rosa
Rosa
ciclamino
Cyclamen persicum
orchidea phalaenopsis
Phalaenopsis
melograno
Punica granatum
Macadamia
Macadamia spp
bougainvillea
Bougainvillea
bocca di leone
Antirrhinum majus
brunfelsia
Brunfelsia