X

composta

La composta può contenere terriccio e" alt="lemiepiante glossario-11577 composta.html

La composta può contenere terriccio e" />

La composta può contenere terriccio e detriti organici quali ( letame, foglie, ecc.) che viene preparata secondo tecniche particolari.

Il composto è il cuore dell'orto o del giardino biologico, la scelta della sua ubicazione è molto importante. Un'insolazione troppo forte, l'azione prosciugante dei venti, le ombre fredde vanno evitate anche se non ci sono regole fisse. Il clima ideale è tiepido e umido, infatti, nelle regioni calde va protetto dal sole in eccesso. Il sito migliore è all'ombra di siepi o alberi. L'esposizione migliore è alla mezz'ombra ben illuminata.

Il composto deve essere sempre protetto da tutte le intemperie. I migliori vicini del composto sono il sambuco e il nocciolo. Il cumulo viene solitamente sistemato nella parte posteriore dell'orto e del giardino in una zona facilmente accessibile, deve essere previsto anche il passaggio epr la carriola ed il bidone  del macerato. Per rendere ancora più accessibile la zona è consigliabile mettere a terra della sabbia.

La struttura di un cumolo di composto

La base ha una larghezza di 1,5 2 m., la lunghezza può essere stabilita a piacimento a seconda della necessità. Il materiale, disposto a strati non deve superare 1,5 m. E' molto pratico predisporre diversi cumuli paralleli, ciò rende più semplice il lavoro di rivoltamento. In questo modo si potranno anche avere composti a diversi gradi di maturazione. E' fondamentale erigere il composto su terra viva, in questo modo lombrichi e altri animaletti utili al processo faranno la loro parte. Lo strato di base sarà sabbioso nel caso di terreni poco drenanti, al contrario si apporrà humus nei terreni sabbiosi. Questi strati di base vengono lasciati sempre al loro posto, sopra di essi sarà ogni volta sistemato a strati il materiale eterogeneo da compostare.

La raccolta del materiale

Si riutilizzano tutti i rifiuti organici dell'orto e del giardino come sfalcio d'erba, erbe infestanti, foglie, resti di ortaggi e frutti, fiori appassiti, rametti di piante perenni, terra già sfruttata tolta da vasipotature di siepi e alberi. Tutti i rifiuti umidi domestici possono essere riutilizzati per il compostaggio. Anche la carta di giornale, il cartone , i fazzoiletti di carta possono essere compostati dopo essere stati inumiditi. Tanto più la miscela è eterogenea tanto più lo sarà il compost.

Lo sminuzzamento.

Il materiale così racoclto va sminuzzato il più possibile: quanto più piccole sono le singole parti, tanto più rapida e completa sarà la decomposizione. Nel caso di frammenti grossolani, avanzi di verdura e steli di fiori non legnosi è sufficiente usare la pala, i rami sottili possono essere tagliati a pezzi di una spanna circa con le forbici da giardino. Ascia o motosega diventano indispensabili per tagliare i rami grossi. Ci sono poi dei modelli a motore costruiti apposta per sminuzzare il materiale in modo che sia perfetto per il compostaggio. Dopo lo sminuzzamento è fondamentale che tutto sia ben rimescolato.

La strututra di un cumulo di composto.

Lo strato più basso del composto dovrebbe essere  formato da materiale grossolano non compresso: a questo scopo si prestano i resti della potatura di alberi e siepi. Sopra questo strato che assicura la circolazione dell'aria e il deflusso dell'acqua, si dispone a strati il composto classico. Prima di tutto si stende senza comprimerlo un cumulo di 20 cm di rifiuti misti, sul quale sispargerà qualche manciata di concime animale ricoc di azoto, nutrimento gradito agli organismi del suolo, a questi materiali si aggiunge uno strato sottilissimo di carbonato di calcio, segue poi un sottile strato di terra  o di composto dell'anno precedente. Se la massa risulta sciutta e la stagione è calda ci si verserà sopra dell'acqua stagnante. L'intero cumolo dovrà essere ricoperto con una copertura traspirante che può essere della terra oppure foglie e paglia Il risultato deve essere una copertura calda e areata.