X

drenaggio

lemiepiante  glossario11308 drenaggio.html<p> </p>
<p> </p>
<p> </p>
<p> </p>
<p> </p>
<p> </p>
<p>

 

 

 

 

 

 

 

L'eccesso di umidità del terreno compromette la buona riuscita di una coltivazione. Un terreno troppo umido è, di solito, freddo, si riscalda lentamente in primavera, non consente la circolazione dell'aria ed è, perciò, particolarmente inospitale per le radici delle piante. Il terreno in questi casi va risanato.
Vi sono diversi sistemi per drenare un terreno e la scelta del tipo di drenaggio dipende da diverse considerazioni, prima fra tutte l'entità degli eccessi idrici.

La stabilità e la durata di un sistema vegetale si ottengono quando si instaura un buon equilibrio tra particelle solide del suolo, acqua, e aria. Uno dei maggiori obiettivi da porsi nella costruzione dei tappeti erbosi è la regolamentazione dell'acqua nel suolo con i sistemi di drenaggio. Lo smaltimento rapido delle acque in eccesso ha due finalità principali: consentire la fruibilità del prato e garantire al tappero erboso le migliori condizioni di sviluppo.


Il drenaggio più semplice è quello che si effettua scavando delle trinceee parallele e mettendo sul fondo di esse materiale grossolano come ghiaia o ancor meglio, frammenti di mattoni e calcinaccio.
Il drenaggio verticale consiste nello scavare buche molto profonde, cilindriche e riempirne il fondo con una grande quantità di ghiaia o sassi.
In generale, per quanto riguarda la coltivazione delle piante in vaso, il drenaggio si garantisce con l'aggiunta al terriccio si sabiba, ghiaietta e cocci o pietruzze sul fondo del vaso.