X

BIANCOSPINO: l'amico del cuore

lemiepiante  links Star-bene-con-le-piante BIANCOSPINO:-l-amico-del-cuore ca_7093.html<strong>DESCRIZIONE</stronBIANCOSPINO (Crataegus laevigata)
DESCRIZIONE: Il Biancospino una pianta molto nota, si presenta come un grande arbusto con rami spinosi e fogliame sparso. La fioritura è di breve durata ed i fiori vanno colti quando sono ancora in bocciolo. Si separano i petali mentre si fanno seccare.

SOSTANZE CONTENUTE E PRINCIPI ATTIVI: olio essenziale, vitamina e tannini. I principi attivi sono principalmente due: l'iperoside e la vitexina, che sono dei flavonoidi

PROPRIETA' ED UTILIZZO: Questa pianta ha la capacità di calmare le tensioni e conciliare il sonno, è ipotensivo, astrinngente e febbrifugo. I flavonoidi agiscono come regolatiori del ritmo cardiaco diminuendo le palpitazioni del cuore nelle persone ansiose. E' in grado di aumentareil flusso coronarico, assicurando così il muscolo cardiaco un apporto maggiore di sangue ossigenato ( prevenzione dell'angina pectoris). Per le sue proprietà di cardiotonico ed i suoi effetti dilatatori dei vasi sanguigni, può rivelarsi utile nei disturbi di aritmia cardiaca. In generale possiede anche un'attività sedativa del sistema nervoso centrale che assicura un notevole effetto negli stati di nervosismo e nei disturbi del sonno. Può essere usato per combattere cefalee, vertigini ed anche disturbi della menopausa. Il bagno di Biancospino ha un effetto tranquillante. In caso di insonnia si consiglia l'uso di infusi. Non provoca assuefazione e neppure effetti indesiderati.

AVVERTENZE: L'uso è consigliato per i soggetti che soffrono di bassa pressione arteriosa.

CURIOSITA': In cucina vengono utilizzati i frutti per preparare delle conserve di marmellate, si consiglia l'associazione con qualche frutto di bosco. i romani chiamavano questa pianta "alba spina". Per gli inglesi rappresentava la Vergine per il candore dei suoi fiori come quello dell'Immacolata Concezione, i suoi stami, inoltre, sono rossi come le gocce di sangue di Gesù i suoi rami spinosi erano serviti per la corona di spine. I Greci ne adornavano gli altari durante le cerimonie di nozze.